RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

NOTIZIE CALABRIA

Lunedì 16 Novembre 2015 15:16

LETTERA APERTA ALLE ISTITUZIONI, AI SINDACI, ALLE FORZE POLITICHE, ALLA CHIESA, A TUTTE LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA


Egregi,

 

la drammatica crisi economica e sociale continua a caratterizzare il nostro Paese ed il Mezzogiorno. In Calabria e nel nostro territorio in particolare, vi sono gravi motivi di allarme per il lavoro che manca e per una serie di politiche di dismissione e disimpegno che il Governo nazionale sta determinando su settori strategici e vitali come le infrastrutture, l'assetto idrogeologico e forestale del territorio, il diritto alla mobilità delle persone e delle merci ed interi servizi pubblici che riguardano gli enti locali e comparti come la sanità, la giustizia,la scuola. Si rischiano disimpegni di spesa come il macrolotto della SS 106 Roseto Sibari, l'Ospedale della Sibaritide, la perdita di insediamenti industriali come il cementificio di Castrovillari e la centrale Enel di Rossano, continui tagli nei servizi ferroviari ed alla sanità con chiusure di Ospedali e negazione dei livelli essenziali di assistenza, restrizioni dei presidi di legalità con soppressioni di Tribunali come quello di Rossano, ed un conseguente spopolamento delle aree interne, con un territorio in emergenza ed a forte rischio idrogeologico. Le politiche di abbandono dei territori di prossimità alimentano disuguaglianze tra cittadini, tra territori, tra lavoratori. Per questo occorre un piano straordinario per il lavoro con politiche di inclusione ed investimenti pubblici e privati a sostegno delle aree svantaggiate. Grava sul Governo Nazionale la responsabilità di assumere precisi impegni per la Calabria ed il nostro territorio e per dare risposta alle emergenze con un nuovo scenario di crescita economica, occupazionale e civile in cui possano nutrirsi, anche, le attese di lavoro dei giovani, delle donne, delle famiglie e dei tanti precari calabresi, disoccupati, cassintegrati ed in mobilità in deroga che scappano dalla nostra terra in cerca di lavoro. Per sostenere queste ragioni Cgil-Cisl-Uil territoriali hanno proclamato lo sciopero generale territoriale per il 14 dicembre a Trebisacce con concentramento dinnanzi al Consorzio di bonifica sulla vecchia statale ss 106 a partire dalle ore 9.30, con la consapevolezza che c'è bisogno di un movimento delle forze sane per creare una barriera di legalità sociale ed istituzionale che parta dal basso, che sia utile a rafforzare le richieste delle popolazioni, motivo per cui nei prossimi giorni vi invieremo la piattaforma sociale. Nel ritenere importante la presenza di Voi tutti, vi invitiamo alla partecipazione, estendendo l'invito alle vostre rappresentanze.  Cordiali saluti

 

I Segretari territoriali  CGIL-CISL-UIL

Sposato-Russo-Castagna

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie