RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

NOTIZIE CALABRIA

Martedì 15 Dicembre 2015 10:56

GUARDIA DI FINANZA CALABRIA: RISCUOTE INDEBITAMENTE PENSIONE DI INVALIDITA’ CIVILE DELLA MADRE DEFUNTA. UNA PERSONA DENUNCIATA ALL’A.G

Continuava a riscuotere la pensione di invalidità della madre defunta.
Lo hanno scoperto i finanzieri della Tenenza di Tropea nel corso di accertamenti in materia di
benefici previdenziali ed assistenziali erogati dall'I.N.P.S., all’esito dei quali è stato accertato
che una cittadina di nazionalità rumena ha indebitamente riscosso, per quasi un anno, il
trattamento previdenziale riconosciuto alla propria madre, anch'ella di nazionalità rumena,
residente in Tropea (VV), nel frattempo deceduta in Romania.
Non essendo stato il decesso reso noto alle Autorità nazionali, Comune di residenza, I.N.P.S.
ed Agenzia delle Entrate ne erano formalmente all’oscuro e l’I.N.P.S. ha continuato ad erogare
il beneficio economico.
L’avvenuto decesso è stato riscontrato solamente in esito ad accertamenti di Polizia Giudiziaria
svolti dalla Tenenza di Tropea. A questo punto l'Ente preposto all’erogazione, tempestivamente
informato, ha potuto provvedere sia a revocare la pensione che ad avviare le procedure per la
richiesta delle somme indebitamente percepite dalla figlia della defunta.
La figlia, che aveva omesso di rendere nota la scomparsa della madre, è stata denunciata
all’Autorità Giudiziaria per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato.
Il servizio si inquadra nell’ambito delle numerose attività ispettive quotidianamente poste in
essere dal Corpo, nel comparto della tutela della spesa pubblica nazionale, a contrasto delle
frodi previdenzali/assistenziali, al fine di garantire la corretta destinazione, a chi ne ha
effettivamente diritto, delle già esigue risorse finanziarie disponibili.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie