RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

ATTUALITA'

Venerdì 21 Dicembre 2018 19:06

DIAMANTE. Lo sportello antiviolenza La Ginestra nuovamente al fianco delle donne vittime di maltrattamenti.

E’ cronaca di questi giorni, infatti, la scarcerazione di un uomo di Diamante, G.P., che il 6 dicembre scorso era stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Santa Maria del Cedro, per maltrattamenti e lesioni aggravate ai danni della sua convivente, con la quale abitava a Grisolia.L’uomo avrebbe continuamente usato violenza contro la donna, sottoponendola ad una vita umiliante e vessatoria. La vittima sarà difesa dalla presidente de “La Ginestra, l’avvocato Teresa Sposato, e dall’avvocato Giuseppe Silvestri, mentre il supporto psicologico è già garantito da un’altra componente dello sportello antiviolenza, la dottoressa Maria Francesca Papa. L’uomo era stato tratto in arresto in quanto nel corso dell’ennesimo litigio aveva picchiato selvaggiamente la donna che aveva chiesto aiuto ad un proprio familiare e ai carabinieri. L’indagato, in preda ad un’incontenibile violenza, aveva minacciato con un coltello il congiunto della vittima e solo il tempestivo intervento dei militari, aveva scongiurato una tragedia. La donna fortunatamente non sarà sola ad affrontare questo calvario perché La Ginestra è al suo fianco così come è al fianco di altre donne che subiscono maltrattamenti e umiliazioni. Lo sportello antiviolenza, infatti, sta monitorando un’altra vicenda che riguarda una donna di Marcellina e i suoi figli, vittime indifese di violenze e soprusi da parte dell’ex marito mentre sono assistite legalmente altre due donne in processi in corso: in un caso si tratta di una vittima di violenza sessuale, che si è verificata a Buonvicino nel 2017 nel cortile della vittima; l’altra vicenda riguarda il processo a carico di un diamantese accusato di maltrattamenti aggravati nei confronti della moglie, dalla quale era separato, e dei figli minori. La Ginestra, a due anni dalla sua nascita, è diventato un vero strumento di supporto per le donne vittime di violenza, ampliando le sue funzioni e le sue attività, e operando attraverso non solo il supporto legale e psicologico ma anche attraverso campagne di sensibilizzazione e prevenzione. Lo scopo è quello di dare voce alle donne che non hanno voce perché hanno paura di parlare, di rimanere sole ma anche a quelle donne che non hanno più voce come Annetta Gentile di Santa Maria del Cedro, la  giovane studentessa universitaria barbaramente uccisa nel 1996. A lei, lo scorso ottobre, in Piazza Agorà a Marcellina, è stata dedicata una panchina rossa, simbolo della lotta alla violenza di genere di cui La Ginestra si è fatta portavoce. Nei prossimi mesi altre panchine rosse saranno inaugurate sul territorio per commemorare le donne che non hanno più voce e per ricordare alle nuove generazioni che bisogna prevenire e contrastare la violenza sulle donne.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie