RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

ATTUALITA'

Domenica 07 Luglio 2019 18:51

SANTA MARIA DEL CEDRO. SI E' TENUTO IERI A SANTA MARIA DEL CEDRO, UN CONVEGNO DIBATTITO SUI BENI COMUNI E LE GENERAZIONI FUTURE.

Ieri sera presso piazza Casale, nel centro storico di Santa Maria del Cedro (CS), si è tenuto un convegno / dibattito riguardante la raccolta firme per la promozione della legge di iniziativa popolare proposta dal Comitato Popolare Difesa Beni Pubblici e Comuni "Stefano Rodotà".

Alla manifestazione organizzata dall’Associazione Culturale Artemis e dal centro sociale anziani “Cuore”,  con il patrocinio del Comune di Santa Maria del Cedro, sono intervenuti: l’Avvocato Ornella Magurno, Consigliere di maggioranza del comune di Santa Maria del Cedro, Antonio Picerno, Presidente del centro sociale anziani “Cuore” di Santa Maria del Cedro, il Prof. Rocco Andrea Trifilio, Presidente dell’Associazione Culturale e Agricola “Artemis”, il Prof. Walter Nocito, docente di Istituzioni di Diritto Pubblico c/o l’Università della Calabria, il Dott. Francesco Papa, vicesindaco del comune di Grisolia, Salvatore Amoroso, Consigliere di maggioranza con delega allo sviluppo, alla cultura e alle politiche giovanili del comune di Buonvicino, il Prof. Franco Galiano, Presidente dell’Accademia del Cedro.

Il progetto di legge sui “beni comuni, sociali” mira a includere nel codice civile italiano la categoria dei beni comuni e di conseguenza di tutti quei beni di particolare pregio naturalistico, paesaggistico, culturale e strutturale i quali hanno bisogno di essere tutelati, salvaguardati e soprattutto mantenuti al fine di ottenerne il pieno godimento, non solo per le generazioni presenti ma anche per quelle future rispettando in pieno i principi dello sviluppo sostenibile.

Questa proposta di legge si pone l’obiettivo di introdurre una garanzia a tutela di questi beni fondamentali contro la minaccia di avventori del patrimonio della comunità ai quali interessa solo speculare e accrescere gli utili degli investitori come accade nelle concessioni spesso affidate a multinazionali italiane ed estere che hanno come unico scopo il guadagno a discapito della sicurezza e dei servizi offerti ai cittadini, vedasi al tal proposito le autostrade e in particolare il caso del ponte “Morandi” a Genova.

Il testo del progetto di Legge è consultabile sul sito: https://generazionifuture.org/  nel quale è contenuta una classificazione puntuale dei diversi beni comuni superando le norme civilistiche che risalgono agli anni ’40 che prevedevano solo la dicotomia: beni pubblici e privati.

Tale iniziativa è stata promossa al fine di raggiungere le firme necessarie per portare la stessa in Parlamento, ed ha un suo prosieguo nel fatto che sono state interessate le tre amministrazioni comunali di Santa Maria del Cedro, Grisolia, Buonvicino le quali, hanno aderito all’iniziativa e attivato nei rispettivi uffici comunali le procedure con le quali è possibile trovare i moduli firma per i cittadini.

 

 

 

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie