RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Sabato 30 Maggio 2020 11:49

DIAMANTE(CS).COMITATO DIFESA AMBIENTE:"CE L’ABBIAMO FATTA , IL PORTO RITORNA AI CITTADINI"

Riceviamo e Pubblichiamo:
La notizia non è ancora ufficiale , ma il 28 maggio la Regione Calabria- Dipartimento infrastrutture e lavori pubblici a firma  del Dirigente Generale Reggente, Ing. Domenico Maria Pallaria e del Dirigente del Settore Infrastrutture di trasporto Ing. Giuseppe Iritano, ha inoltrato lo sfratto  all’Icad Costruzioni generali srl Icad Blu, con queste parole:    “si comunica con la presente l’avvio del procedimento finalizzato alla risoluzione per grave inadempimento del contratto e dei correlati ulteriori atti contrattuali sopra specificati; formula con la presente nota formale contestazione di addebito ai sensi dell’art.90 del Contratto e per l’effetto ; invita l’ATI Concessionaria a presentare le proprie controdeduzioni entro il termine di quindici giorni dalla ricezione via pec della presente nota ; si riserva all’esito delle conseguenti valutazioni, ovvero nel caso di mancata presentazione delle controdeduzioni  nel termine assegnato, di disporre la risoluzione del contratto”.   Abbiamo finalmente raggiunto l’obiettivo che come Movimento popolare prima e Comitato difesa ambiente dopo, ci eravamo preposti già da tre anni. Una vittoria di tutti i cittadini che  hanno creduto sin dall’inizio in questa battaglia; una vittoria  dei 1200 cittadini che hanno firmato il nostro prima appello, delle centinaia di cittadini che hanno firmato l’esposto all’ANAC che ha dato il colpo finale a Santoro e ai suoi collaboratori, dei commercianti che hanno scioperato e sfilato nel paese.  E’ una vittoria anche della precedente amministrazione con a capo Gaetano Sollazzo che in tutte le sue forme ha appoggiato le battaglie del Movimento popolare, arrivando ad un passo dalla rescissione del contratto; è una vittoria anche del sindaco Ernesto Magorno che ha dato una spinta alle istanze della cittadinanza imboccando la strada giusta per la rescissione. Era una battaglia difficile in quanto la lobby Santoriana era ben salda nella regione e ruotava attorno a tutte quelle persone implicate nelle inchieste sulle “Lande desolate”. Ora aspettiamo l’inchiesta sul porto di Diamante.     UNA VITTORIA DI TUTTO IL PAESE CHE FINALMENTE PRENDERA’ POSSESSO DI UN’AREA DELLA QUALE ERA STATO ESPROPRIATO.   Ora guardiamo al futuro, alle cose da fare, per far ripartire un piccolo porto ( che non superi l’ex Pista) salvaguardando la scogliera risparmiata dal cemento, e che abbia una gestione pubblica e non più privata.   LA STRADA E’ STATA APERTA NOI SIAMO PRONTI A COLLABORARE E PORTARE AVANTI LE NOSTRE IDEE CHE SONO QUELLE DELLA RIPARTENZA ECONOMICA DI UN PAESE RIDOTTO AL LUMICINO.       COMITATO DIFESA AMBIENTE   

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie