RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Venerdì 16 Maggio 2014 10:35

VERBICARO. BCC: Il Giudice Istruttore del Tribunale di Catanzaro (Sezione Specializzata in materia di imprese) Dottoressa Song Damiani, ha dichiarato l’intervenuta cessazione della materia del contendere. Arturo Riccetti è a tutti gli effetti, il pre

La delibera del 22 Aprile 2014 con cui il Consiglio di Amministrazione della BCC di Verbicaro uscente aveva escluso il socio Arturo Riccetti dalla carica di presidente del CDA dalla competizione elettorale, non ha più effetto. Arturo Riccetti, è stato dunque proclamato presidente del CDA della BCC di Verbicaro dai soci dell’istituto bancario a seguito dell’assemblea dello scorso 4 Maggio 2014. “Detta circostanza – scrive il Giudice Damiani - può ritenersi pacifica in quanto non contestata da controparte ne dal terzo intervenuto. Ritenuto che, alla luce dell’intervenuta elezione, in data 04.05.2014, del ricorrente alla carica di presidente del consiglio di amministrazione della banca convenuta, non sussiste in capo allo stesso alcun interesse giuridicamente apprezzabile a coltivare il ricorso, in quanto ha già conseguito il fine ultimo cui il procedimento era reso. Dichiara l’intervenuta cessazione della materia del contendere per la sopravvenuta carenza di interesse ad agire in capo al ricorrente”. Come si ricorderà, Arturo Riccetti, socio della BCC di Verbicaro, aveva presentato attraverso il suo legale Ugo Vetere una istanza diretta ad ottenere la revoca in autotutela del provvedimento con il quale il CDA del 22 Aprile 2014 aveva disposto la sua esclusione dalla competizione elettorale in quanto: “Assessore provinciale in carica che avrebbe potuto precludere l’espletamento dell’incarico di componente del Consiglio di Amministrazione previsto dallo statuto”. L’Avvocato Ugo Vetere, aveva chiesto di rimettere la questione in ordine alla candidabilità sia di Riccetti che di quella del Signor Zito, per i motivi e le ragioni esplicitate al presidente del Tribunale di Paola competente in materia, che: “certamente e diversamente dai membri del CDA dell’istituto di credito – aveva sottolineato Vetere -  alcun interesse personale ha nella vicenda che ci occupa”.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie