RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Giovedì 16 Luglio 2020 15:57

DIAMANTE(CS).DIFFAMAZIONE AGGRAVATA ALLA POLIZIA MUNICIPALE:ANNULLATO IL PROCESSO A CARICO DELL'AVVOCATO OLIVA.

Nella mattinata odierna, il Tribunale Penale di Paola, in diversa composizione, accogliendo le questioni procedurali già sollevate dagli avvocati Giovanni De Pietro e Francesco Liserre, difensori del loro collega, avv. Domenico Oliva, ha annullato il processo a carico di quest’ultimo disponendo la restituzione degli atti al PM e cancellando, di fatto, anni di indagini e di istruttoria dibattimentale. In particolare, l’avv. Domenico Oliva di Diamante, già presidente della locale Misericordia, era imputato di diffamazione aggravata a danno della Polizia Municipale di Diamante in quanto, a seguito di una contravvenzione ad un’ambulanza, risalente al mese di agosto del 2014, sarebbero apparsi, su internet e sulla locale stampa, articoli gravemente diffamatori nei confronti della Polizia Municipale, riconducibili, secondo la Pubblica Accusa, all’avv. Oliva. Nei medesimi articoli che, all’epoca dei fatti, suscitavano notevole clamore e sdegno tra i numerosissimi turisti presenti nella cittadina dei Murales, si denunciavano gravissime violazioni che sarebbero state commesse dai Vigili diamantesi; talvolta, estremamente ligi nell’elevare contestazioni, per giunta nei confronti di un’ambulanza ma, tante volte, distratti dal contestare numerose e ben più gravi violazioni. Infatti secondo i comunicati incriminati, si sarebbero evidenziati sistematici abusi commessi dagli stessi vigili, soprattutto nel parcheggio selvaggio delle loro autovetture private nella zona oggetto di contestazione. La vicenda, naturalmente, aveva innescato una sorta di guerra tra le associazioni facenti capo all’avv. Oliva e il Corpo della Polizia Municipale, facendo emergere anche delle forti criticità con le locali forze politiche. Pertanto, iniziava un lungo processo a carico dell’avv. Oliva all’inizio del quale, gli avvocati Liserre e De Pietro, sollevavano diverse questioni preliminari di natura procedurale, tuttavia rigettate dall’allora Giudice che disponeva procedersi oltre. Quindi, dopo una lunga istruttoria dibattimentale, durata diversi anni e con parecchi colpi di scena, il processo, nell’odierna mattinata, veniva per la discussione dinanzi ad altro Giudice. A questo punto, gli avvocati Liserre e De Pietro, riproponevano alla luce di una recente e ben nota sentenza delle Sezioni Unite Penali della Suprema Corte di Cassazione, le medesime questioni procedurali, già rigettate dal primo Giudice ma questa volta interamente accolte dal Tribunale in diversa composizione che ha totalmente annullato l’intero processo, disponendone la restituzione di tutti gli atti al PM.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie