RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Venerdì 21 Novembre 2014 09:17

CETRARO. OPERAZIONE DRY HEMP. GUARDIA DI FINANZA COSENZA: SCOPERTA CENTRALE DELLA MARIJUANA. INFLITTO UN DURISSIMO COLPO AL MONDO DELLA ILLECITA PRODUZIONE DI STUPEFACENTI.

  I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza hanno scoperto e posto sotto sequestro una imponente centrale adibita alla coltivazione, raccolta, essiccazione, stoccaggio, confezionamento e distribuzione di un ingente quantitativo di sostanza stupefacente. Nel corso di un attento monitoraggio sull’impervia zona ricadente in località Difesa sita nel comune di Cetraro, le Fiamme Gialle della Compagnia di Paola, notavano la presenza di alcune rigogliose piante di marijuana ben occultate tra la folta vegetazione. Individuata l’area, veniva chiesto il rinforzo di altre pattuglie del Corpo al fine di far scattare nell’immediatezza un “blitz” a seguito del quale veniva disvelata una vera e propria filiera per la produzione di sostanza stupefacente da immettere sul mercato.Al cospetto dei militari si materializzavano, nascosti tra i fitti arbusti, tre casolari: il primo risultato essere poi adibito alla coltivazione delle piante di marijuana, il secondo utilizzato come essiccatoio ed il terzo come laboratorio. Al termine delle complesse e delicate operazioni, venivano poste sotto sequestro migliaia di piante, di cui oltre tremila in fase di essiccazione e altre sessanta pronte per il travaso nonchè circa due quintali di “erba” stipati in cinquanta balle, ciascuna contenente un quantitativo di stupefacente variabile tra i due e i cinque chilogrammi, e migliaia di semi di pregiata qualità provenienti probabilmente dal mercato olandese. Avanzatissimo è risultato essere il sistema utilizzato per la produzione dello stupefacente costituito da un impianto - a livello “industriale” - di essiccazione intensiva, completo di apparato di areazione perfettamente funzionante nonché di un sistema di illuminazione, capace di sfruttare al meglio la luce naturale - per mezzo appositi pannelli trasparenti installati al soffitto - integrato da lampade alogene oltre ad un impianto di irrigazione e di riscaldamento.Recuperati, inoltre, centinaia di litri di concime nonché attrezzature agricole utilizzate per arare il terreno, mietere ed essiccare le piante.La perquisizione all’interno dei casolari permetteva di rinvenire altresì: quattrocento grammi di cocaina, conservata sottovuoto, pronta per essere spacciata e sostanza in polvere utilizzata per il “taglio”; strumenti e contenitori necessari per il confezionamento dello stupefacente ed infine tre ciclomotori risultati di provenienza furtiva. A protezione della “preziosa merce” e della intera area utilizzata per l’illecita produzione i malviventi avevano installato un sofisticato impianto di  videosorveglianza attraverso il quale riuscivano a controllare tutti i “movimenti” che, però, nulla ha potuto nei confronti della destrezza e tenacia posta in campo dai finanzieri. L’operazione di servizio delle Fiamme Gialle, che ha consentito di sottrarre ai sodalizi criminali un ingente quantitativo di marijuana che avrebbe fruttato, al dettaglio, ben oltre 10 milioni di euro, s’inserisce nella serrata e costante attività di prevenzione e repressione riguardo alla produzione alla coltivazione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare nella aspra fascia tirrenica cosentina, dove attesa la particolare natura selvaggia del territorio risulta essere più agevole l’insediamento di coltivazioni illegali.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie