RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Martedì 27 Gennaio 2015 12:17

SCALEA. Consorzio di Bonifica Integrale dei Bacini del Tirreno Cosentino. Domenico Forestieri: '' Procedimento amministrativo di scioglimento degli organi e nomina del Commissario Straordinario''.

Finalmente, dopo avere invocato più volte un atto di trasparenza che mettesse fine alle numerose voci che circolano sulla poco trasparente gestione del Consorzio di Bonifica Integrale dei Bacini del Tirreno Cosentino di Scalea, è arrivata chiara e forte la voce della Regione Calabria – Dipartimento Agricoltura – che con una nota ufficiale comunica “l’avvio del procedimento amministrativo di scioglimento degli organi e nomina del Commissario Straordinario  art. 35 L.R. n° 11/2003” poiché a seguito di ricorsi presentati il Dipartimento Agricoltura “ritiene di essere in presenza di ipotesi di grave irregolarità amministrativa, ovvero gravi violazioni di leggi, regolamenti e direttive regionali di cui al comma 1 dell’art. 35 della L.R. n. 11/2003”. Tutto ciò rende giustizia a chi, come me, pur dovendo affrontare difficoltà e creandosi qualche inimicizia, ha sempre chiesto a viva voce una presa di posizione che mettesse in evidenza i reali comportamenti e se in questi comportamenti erano evidenziabili palesi  irregolarità. La decisione adottata dal Dipartimento Agricoltura della regione Calabria, accende, finalmente, una luce che comincia a togliere alcune ombre promettendo di fare chiarezza e creare un nuovo corso nella gestione del Consorzio ex Valle Lao. Nonostante la soddisfazione di vedere accolto il proprio appello resta sempre viva la necessità di sapere per chi anela alla giustizia ed alla trasparenza, se il riconoscimento di “gravi violazioni di leggi, regolamenti e direttive regionali,” porterà per gli artefici di tali comportamenti, delle conseguenze a livello penale, amministrativo ed economico. Tutto ciò non per sentimento di vendetta mal riposto, ma per un’affermazione piena e decisa dello Stato che giustamente deve pretendere dai suoi rappresentanti onestà, giustizia, senso di onore e lealtà verso i propri amministrati e l’ente che rappresenta. Per coerenza il Dipartimento regionale dovrà dire, senza aspettare altri ricorsi e segnalazioni, se tutti i quesiti avanzati, nomine irregolari, abusi e soprusi vari hanno un fondamento e dovranno essere perseguiti per dare un segnale forte e chiaro che la Calabria non è solo una terra di prepotenza e violenze, ma è anche e soprattutto una regione in cui i calabresi a testa alta e con orgoglio mostrano il proprio viso all’Italia dicendo: anche da noi esiste l’onestà, il coraggio e la dignità propria di chi rispetta i valori di uno Stato sano e vitale. Nel congratularmi con il Dipartimento Agricoltura ed in attesa di altre forti e chiare prese di posizioni, ritengo giusto ricordare a chi ritiene di poter vivere nell’ombra dell’illegalità e dell’imbroglio amministrativo che come diceva un famoso scrittore “Non si riesce a nascondere niente. La forza è non avere niente da nascondere”.

Domenico Forestieri

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie