RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Mercoledì 20 Maggio 2015 15:41

DISBOSCAMENTI INCONTROLLATI A VERBICARO E GRISOLIA: INTERVIENE IL PRESIDENTE DEL WWF MASSIMO CONVERSO.

Sui disboscamenti incontrollati nell’area del Parco Nazionale del Pollino Versante Tirreno Cosentino, interviene Massimo Converso, presidente del WWF Tirreno Cosentino, il quale ha chiesto un intervento immediato al  Ministero Agricoltura e Foreste al Corpo Forestale dello Stato al Comitato Parchi (Federparchi) al Dipartimento Forestazione Regione Calabria all’ Assessorato Ambiente della Provincia di Cosenza all’Ente Parco Nazionale del Pollino ai Comuni di Grisolia e Verbicaro al Consorzio di Bonifica Valle Lao e al Consorzio Pro Loco Riviera dei Cedri.  “Qualche anno addietro a Grisolia in zona Monte proprietà comunale, a ridosso del paese afferma Massimo Converso - un’area ad alta biodiversità dove la presenza di Cerri d’alto fusto costituiva la peculiarità principale insieme al ritorno del Capriolo,  che mancava dagli anni ’50,  furono abbattuti nella notte circa trenta grossi Cerri e lasciati di traverso sulla strada. Non si è mai saputo il perché, presumibile collegarlo ai tagli abusivi di legname che successivamente e ininterrottamente sono continuati fino ad oggi. Circa un mese fa nei pressi di Pantanelli nella zona Rocca – continua Converso - circa quaranta Faggi ultradecennali di notevoli dimensioni sono stati abbattuti e lasciati di traverso sulla strada. Il taglio abusivo ha prodotto un disboscamento pesantissimo, stanno scomparendo Querce secolari, Ontani, ed anche nella macchia mediterranea vengono attaccate specie come il Corbezzolo. Lungo la strada che collega Grisolia con Verbicaro, una volta rigogliosa – fa presente Massimo Converso - adesso è stata desertificata, nei pressi c’è un’area vincolata in zona 1 del Parco, è anche sito comunitario, la sorgente” Nascifiume”. Il fatto ancor più grave è che quasi tutti i tagli abusivi sono in territorio demaniale o comunale in Area Parco.  Chi chiede di poter effettuare il taglio, produce autocertificazione con inserite particelle comunali o demaniali, che nessuno si prende l’obbligo di verificare.  A Verbicaro in località Trincello, zona 1 – continua Massimo Converso - si è operato in tagli dissennati e all’apertura o allargamento con mezzo meccanico di piste esistenti.  Ci risulta che l’Ente Parco non intervenga, asserendo che all’Ente non sarebbe pervenuta alcuna segnalazione : ed ecco con la presente l’On.le Pappaterra può immediatamente porre fine al disastro paesaggistico in corso e ad aumentare il controllo chiedendo con forza l’aumento verticale di addetti del CFS.  Già è stato attuato un danno non sanabile a breve,  a vista ci si rende conto del disastro perpetrato con il silenzio di tutti.   Questa irrazionale conduzione sul nostro fragilissimo patrimonio naturale e ambientale, anche a volte autorizzato, ha vanificato quanto di buono è stato fatto negli anni precedenti, venendo meno i principi e le finalità per cui è stata istituita l’area protetta del Parco Nazionale del Pollino, con impatto devastante sulla presenza del Lupo, delle prede e del ritorno del Capriolo, con conseguenze ancor più devastanti per un turismo compatibile. Il Sindaco di Verbicaro, Francesco Silvestri – fa sapere Converso - comunica che l’Ufficio Tecnico ha provveduto ad emettere ordinanza di sospensione dei lavori non-autorizzati di allargamento delle suddette piste. Resta l’esigenza di punire esemplarmente (quanto immediatamente) gli autori di tale scempio. Ed in tutto questo contesto di oggettiva assenza di fatto di controllo da parte dello Stato – conclude Massimo Converso - il Governo vuole la scomparsa del CFS, invece di aumentare il numero ed i mezzi delle Guardie Forestali”.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie