RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Martedì 17 Giugno 2014 19:58

Praia a Mare: Isola di Dino. Sair la Principessa Yasmin Aprile von Hohenstaufen ne rivendica la proprietà

La Fondazione Federico II circa la vicenda dell'Isola di Dino di Praia a Mare, ha reso noto che la stessa è, in realtà, “un bene monastico dinastico imprescrittibile e irrinunciabile dei legittimi discendenti di Federico II, ossia Sair la Principessa Yasmin Aprile von Hohenstaufen Puoti e che tutti gli atti che non recano la firma della legittima proprietaria - si legge in una nota - sono nulli, così come le concessioni per circa 99 anni a gruppi privati. La Principessa - prosegue la nota - ha affidato l'isola al Green Princes Trust per farne un Centro di eccellenza per la ricerca contro il cancro”. La vicenda è ben nota. L’avvocato, Gianni Agnelli, aveva tentato, tra il 1974 e il 1976, attraverso sair La principessa Yasmin,  all’epoca giornalista alla Stampa di Torino e al gruppo L’Economico , oltre che Presidente e general manager del Reader’s Digest, di ottenere dalla principessa un benestare per l’acquisto dell’Isola praiese.  Agnelli e i suoi eredi non riuscirono, però, a perfezionare il contratto per un motivo ben preciso. Mancava, infatti, la ratifica dei legittimi proprietari dell’isola Dino e delle sue pertinenze, queste ultime superiori alla stessa valenza del bene monastico dinastico imprescrittibile della principessa, legittima erede di Federico II e proprietaria dell’isola . Ma Sair la Principessa Yasmin,  era interessata solo a rivalutarne l’anamnesi graalica di scrigno delle reliquie di Cristo, da lei ereditate, o a riconvertirla come Centro per la ricerca sul cancro. A tale fine inviò una diffida contro ignoti  al Procuratore Capo della Repubblica di Paola a non spacciarsi per proprietari dell’isola . “Non solo 8 pergamene confermano che l’Isola di Dino è un bene monastico dinastico della legittima proprietaria - si legge ancora nella nota - quanto anche atti privati , ormai di pubblico dominio. Chiunque acquisti o investa sulle proprietà dinastiche e monastiche del casato è suscettibile di denuncia e revoca per appropriazione indebita - continua la nota - con risarcimento danni , oltre che ad essere obbligato alla restituzione del bene . A sair la Principessa Yasmin, interessa solo che venga ripristinata la verità storica”. Nei giorni scorsi, il sindaco di Praia a Mare, Antonio Praticò, ha reso noto che, dopo 20 anni di vari giudizi, il comune è diventato nuovamente proprietario dell’Isola di Dino. La sentenza di primo grado è stata emessa dal Tribunale di Paola che ha dichiarato nullo il contratto di compravendita, stipulato nel 1962. 

1 commento

  • La principessa??? Bene monastico imprescrittibile??? Federico II???
    Signori ma stiamo scherzando??
    Punto primo siamo una repubblica,poi tutti i privilegi agli ex nobili sono stati aboliti, così come le loro millantate cariche ereditarie (conti,marchesi,duchi ecc.)
    Terza cosa dove è stata la signora in tutti questi anni??? Ha fatto qualcosa per lo sviluppo della "sua" isola.
    La verità è che l'isola Dino fa parte del comune di Praia a Mare e come tale appartiene ai cittadini praiesi.

    inviato Mercoledì 18 Giugno 2014 10:43 da Franco

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie