RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Mercoledì 30 Marzo 2016 16:16

SCALEA. CONSORZIO DI BONIFICA VALLE LAO: PROCLAMAZIONE STATO DI AGITAZIONE E AVVIO ATTIVITA’ SCIOPERO GENERALE.

A seguito di un incontro che si è tenuto questa mattina negli uffici del Consorzio di Scalea, i dipendenti, hanno deciso di avviare le necessarie attività per proclamare lo sciopero generale dell’ente. Lo hanno comunicato in una missiva al presidente della giunta regionale On. Mario Oliverio, al prefetto di Cosenza, all’assessore al lavoro, alle Organizzazioni Sindacali. regionali ed alle politiche sociali, al comando compagnia carabinieri di Scalea. I dipendenti lamentano il mancato pagamento degli stipendi, ultima mensilità percepita “ Novembre 2015”. Le condizioni dell’ente risultano essere talmente gravi che non solo non vengono erogati da mesi gli stipendi ai dipendenti, con gravi ripercussioni in ambito familiare, ma altresì non pare essere prospettata alcuna accettabile attività che non sia un chiaro oblio dell’ente tutto della sue funzioni. Nonostante gli imponenti sforzi per il recupero dei ruoli pregressi e per il recupero dell’evasione si comunica che gli estremi ed insensati tagli di trasferimento di finanza regionale, hanno reso impossibile il mantenimento della pianta organica e minato gravemente la capacità operativa dell’ente nelle sue funzioni essenziali. Nonostante quanto rappresentato i dipendenti continuano ad erogare i servizi di sicurezza idraulica di forestazione e di irrigazione, anche se nulla può essere assicurato in tal senso nell’immediato futuro. Per tali ragioni, si conclude, è proclamato lo stato di agitazione dei dipendenti dell’ente in vista dello sciopero generale, e si invitano le autorità in indirizzo a voler convocare, con la necessaria urgenza, un “tavolo di crisi” con tutti gli attori essenziali ed utili per la soluzione di quanto sopra evidenziato, a beneficio del territorio, dei consorziati tutti, ma anche per  la salvaguardia dell’integrità economica dei lavoratori e delle loro famiglie e per la dignità di servitori della comunità quale si onorano di essere.           

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie