RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Lunedì 18 Luglio 2016 15:23

Tortora. Questione San Sago: Sì alla verifica di Valutazione di Incidenza

 Alla fine la Regione Calabria, Dipartimento Ambiente ha riconosciuto la giustezza delle argomentazioni di Italia Nostra e del Comune di Tortora grazie anche alla posizione decisa assunta dal Ministero dell’Ambiente sulla questione.

Infatti con una nota inviata alla Ecologica 2008 srl la Regione Calabria ha invitato il Gestore dell’impianto di eliminazione di rifiuti pericolosi e non  sito in loc. San Sago del comune di Tortora a presentare alla Regione Basilicata la documentazione di cui all’art. 5 DPR n. 357/97 e  s.m.i. ed ogni altro elemento ritenuto utile per la valutazione di competenza.

La Regione Calabria ha dovuto riconoscere che l’impianto pur essendo stato realizzato in epoca antecedente al DPR 357/97 e quindi prima della istituzione della Rete Natura 2000, per garantire comunque  uno stato di conservazione soddisfacente  del sito comunitario interessato  è stata ravvisata la necessità di sottoporre l’istallazione ad una verifica di VINCA (Valutazione di Incidenza) quale analisi prevista per gli interventi che, pur ubicati all’esterno di siti di importanza comunitaria  e zone di protezione speciale, possono produrre i loro effetti  all’interno di dette aree. Ciò corrisponde a quanto dall’inizio ha sostenuto Italia Nostra.

Nel situazione specifica il sito interessato, secondo la Regione Calabria è la ZSC  “Valle del Noce”.

Italia Nostra continua a ritenere che gli  effetti dell’impianto verrebbero a ripercuotersi   anche sugli altri siti di interesse comunitario presenti sia sulla costa della regione Basilicata che in quella della regione Calabria in quanto l’impianto di eliminazione di rifiuti pericolosi convoglia le sue acque nel Fiume Noce, e quindi nel mare investendo i siti citati. Inoltre Italia Nostra ha evidenziato che il corpo idrico recettore costituito dal Fiume Noce non è in grado di sopportare , oltre agli scarichi già provenienti dagli impianti di depurazione  cittadini a monte della foce, un ulteriore carico di sostanze proveniente anche dall’impianto privato di San Sago che, è bene ricordarlo, costituisce un vero corpo estraneo, un vero e proprio vulnus non solo nell’ambito dell’ecosistema fluviale, ma anche nell’ambito della più  vasta area della costa, dove il futuro dell’economia turistica è sempre più legato alla salvaguardia dell’ambiente ed alla qualità delle acque di balneazione ormai sotto la lente di ingrandimento di una utenza sempre più attenta , esigente, come è giusto che sia. Ci auguriamo che le verifiche tecniche avviate terranno conto di tali elementi.

 

Italia Nostra-Presidio di Praia a Mare

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie