RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Domenica 22 Gennaio 2017 04:56

Santa Maria del Cedro. Il randagismo continua ad essere un'emergenza nei paesi dell'alto Tirreno cosentino

Tiziana Ruffo.  Il fenomeno del randagismo  continua a rappresentare,  anche  per Santa Maria del Cedro,  un problema da fronteggiare con fermezza alla luce delle tante sollecitazioni finite sul tavolo del primo cittadino Ugo Vetere, che  ha chiesto formalmente ai funzionari dell’ufficio igiene veterinario dell’Asp di Cosenza di “disporre la cattura dei cani” e di trasferirli eventualmente nel canile di riferimento,  “L’oasi di Fido” nel comune  di Fuscaldo. Le numerosi sollecitazioni avanzate da molti cittadini al sindaco Vetere denunciano la presenza sul territorio  comunale  di diversi cani randagi che muovendosi in branco “costruiscono un serio pericolo per l’incolumità delle persone” . Si tratta di cani abbandonati  che girano indisturbati,  anche per le vie in pieno centro abitato.  La libera circolazione di meticci genera anche  pericoli stradali con i vari attraversamenti improvvisi che mettono a repentaglio la vita di persone e degli stessi animali. Un  problema  davvero elevato in molti  centri  della Riviera dei cedri che ripropone  la necessità, come ha fatto prontamente il sindaco di Santa Maria del Cedro, di affrontare con urgenza il problema del randagismo,  che spesso viene dimenticato!

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie