RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Mercoledì 22 Febbraio 2017 04:14

Cetraro. Video-denuncia dei Gd sulla drammatica situazione dell'ospedale Iannelli.

Tiziana Ruffo. Circola nei social un video di denuncia dei disservizi della sanità nel Tirreno cosentino. I Giovani democratici hanno fatto ricorso a questo strumento  comunicativo per rafforzare ulteriormente l’azione di critica che ormai da tempo esercitano contro la malasanità calabrese. Il video è  “un racconto crudo di chi,  ogni giorno,  è costretto a fare lunghi viaggi della speranza per curarsi”. Un  video- documentario che in poche ore, come sostengono i Gd,   ha avuto più di duemila visualizzazioni. La battaglia sulla sanità portata avanti dai Giovani democratici di Cetraro ha trovato ampia condivisione da parte di tanti circoli della Provincia di Cosenza.Da Cariati a Calopezzati, da Mandatoriccio a  Pietrapaola i segretari dei circoli dei Giovani democratici hanno fatto pervenire una nota di vicinanza e solidarietà ai Gd di Cetraro, condividendo di fatto la battaglia che  stanno portando avanti. “Bisogna sostenere l'azione del Presidente Mario Oliverio, fanno sapere, perché la sanità ritorni ad essere di competenza regionale”. L’obiettivo dei Gd è quello di “sensibilizzare l'opinione pubblica ed istituzionale ad ogni livello e garantire i servizi ai tanti presidi ospedalieri chiusi o in fase di chiusura per via di una gestione commissariale inefficiente”. Si ripropone con forza, dunque  a Cetraro la questione della tutela dell’ospedale civico riesplosa dopo il trasferimento dell’ambulatorio di ortopedia da Cetraro a Paola. Una scelta questa fortemente contestata dall’intero mondo politico cetrarese che ha già avviato un piano di iniziative volto a restituire prestigio alla struttura sanitaria locale, fortemente penalizzata da una successione continua di scippi, che hanno determinato il declassamento progressivo del nosocomio.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie