RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Martedì 14 Marzo 2017 04:07

Grisolia. I benefici del progresso e la tutela della salute devono procedere di pari passo

Tiziana Ruffo. Il “Comitato cittadino di Grisolia”  dice  “no” ad  una stazione radio base che servirà da ripetitore per la rete telefonica Vodafone,  “in un’area che ne risulta già sufficientemente fornita”. La collocazione delle antenne avviene in via Fiumicello,  che è una zona al centro dell’abitato della  marina di Grisolia e che dista,  in particolare,  circa trecento metri, dalle scuole secondarie di primo grado e  circa quattrocento metri  da quelle primarie e d’ infanzia. Tutta la comunità di Grisolia,  comprese le scuole coinvolte ed anche i cittadini che risiedono oltre i confini comunali saranno dunque  interessati dall’influenza delle onde elettromagnetiche derivanti dal ripetitore. Il comitato sottolinea le possibili conseguenze  negative sulla salute dei cittadini,  prodotte dalle onde elettromagnetiche. “I livelli di radiazione, sono alti e pericolosi per la salute umana. – Incalza il comitato- Più vicini si vive a un’antenna, maggiore sarà l’esposizione al campo elettromagnetico.”Un fatto grave che ha già messo in allarme l’intera cittadinanza e che costituisce un motivo di preoccupazione per l’esistenza di un collegamento diretto tra i decessi per cancro e le reti mobili cellulari”, come emerge da tante ricerche specifiche . “I tumori oggetto della ricerca (prostata, seno, polmoni, reni, fegato) sono quelli associati all’esposizione ai campi elettromagnetici. I soggetti più vulnerabili sono i bambini, infatti è stato dimostrato che i tumori infantili in particolar modo la leucemia sono causati dalle onde elettromagnetiche”. Alla luce di molti studi, che  non farebbero  altro che avvalorare la relazione tra l’esposizione alle radiazioni e i tumori, il comitato  ritiene  “che verrà leso il diritto alla salute ed il diritto alla integrità fisica, minata dalla continuativa ed ininterrotta esposizione alle onde elettromagnetiche emesse dalla stazione radio base”. Si ripropone così nel territorio  la questione molto scottante della tutela dell’ambiente e della salute, che si scontra con la diffusione di tecnologie  sofisticate, legate al processo di modernizzazione. Interessi contrastanti che dovrebbero essere sanati attraverso scelte oculate volte a garantire i benefici del progresso e la tutela della salute umana.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie