RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Domenica 02 Aprile 2017 12:31

DIAMANTE. MORÌ CON UNA SCARICA ELETTRICA. DOPO 12 ANNI LA SENTENZA DEFINITIVA.

Dopo lunghi anni di battaglie giudiziarie ieri l’altro  la Corte d’Appello di Catanzaro- presidente Saullo a latere Bianchi e Luzzo hanno messo la parola fine su una triste vicenda giudiziaria che nel lontano 2005 si aprì in seguito alla morte di un operaio che a diamante perse la vita fulminato da una scarica elettrica di alta tensione mentre lavorava alla costruzione di una villetta. Il processo che si è celebrato in Corte d’Appello,  per la seconda volta vedeva imputate di omicidio colposo aggravato le signore Presta Assunta e Paolino Francesca nella loro qualità proprietarie e committenti del cantiere dove perse la vita l'operaio. Le due imputate che sin dal primo momento sono state difese dal penalista Avv. Italo Guagliano erano state condannate dal Tribunale di Scalea con una sentenza che nel 2012 venne confermata dalla Corte d'Appello di Catanzaro. Avverso tale sentenza l'avv. Guagliano presentò ricorso per Cassazione in seguito al quale la Corte degli ermellini, accogliendo il ricorso del difensore annullò la sentenza rinviando nuovamente gli atti a Catanzaro, per un nuovo giudizio. Nella giornata di ieri dopo una dettagliata arringa dell'avv. Guagliano, che ha ripercorso tutto l'iter processuale svoltosi in seguito al doloroso evento, la Corte, ha definitivamente posto fine alla vicenda giudiziaria accogliendo in toto la richiesta di assoluzione formulata dal difensore per entrambe le imputate, che quindi sono state assolte per non aver commesso il fatto. L'avv. Guagliano pienamente soddisfatto della decisione della Corte, ha nuovamente espresso un profondo dolore per la perdita dello sventurato operaio, ma ha altresì ribadito che, non sarebbe stato giusto far portare per una vita intera a due signore per bene, il rimorso di avere contribuito a causare la morte di un uomo, nonostante le stesse non c'entrassero davvero  nulla, oltre al fatto di essere le titolari della licenza edilizia delle costruzioni ove si verificò il triste evento.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie