Maulicino
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/text.gif
images/manfreditalia.jpg
images/text 1.gif
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/214576.gif happy cristamas.gif
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Venerdì 19 Maggio 2017 08:54

CETRARO. ARRESTATE TRE PERSONE CON L’ACCUSA DI COLTIVAZIONE ILLEGALE DI “CANAPA INDIANA” E DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO DI “MARIJUANA”.

Tre persone sono state arrestate a Cetraro (CS) dalla Guardia di Finanza del
Comando Provinciale di Cosenza, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare
emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Paola (CS), dott.ssa Maria Grazia ELIA, su
richiesta del Sostituto Procuratore, dott.ssa Anna Chiara FASANO.
Le Fiamme Gialle calabresi, a settembre 2016, dopo aver percorso una serie di ripidi
sentieri facendosi largo tra la fitta vegetazione ed aprendosi qualche improvvisato
varco tra i rovi, hanno scoperto una piantagione di 200 piante di “canapa indiana”
aventi un’altezza di circa tre metri, rigogliose ed attentamente curate, coltivate in un
terreno in una zona impervia del Comune di Cetraro (CS).
All’esito delle indagini, scattate immediatamente ed effettuate sotto la direzione della
Procura di Paola, sono stati ricostruiti i fatti ed individuato tre coltivatori responsabili
della custodia del tesoro illegale, nonché ad altre due persone accusate in concorso
di detenzione di “marijuana” ai fini di spaccio. Tutti e cinque gli indagati sono di
Cetraro CS). Le perquisizioni effettuate dai Finanzieri nel corso delle investigazioni hanno, inoltre,
consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro: circa 600 grammi di “marijuana”, una
pistola “colt” con matricola abrasa, una BMW serie 1, due cellulari e un'agenda
manoscritta. Le piante di “canapa indiana” sul mercato avrebbero prodotto un profitto illecito pari
ad oltre 500 mila euro. L'operazione va ad aggiungersi ad altri interventi sinergicamente realizzati negli ultimi
tempi sul versante “alto tirrenico” della Provincia a conferma, ancora una volta, del
massimo sforzo messo in campo dalle Fiamme Gialle per consolidare un moderno e
funzionale presidio di sicurezza pubblica e di legalità economico-finanziaria sull’intero
territorio di competenza.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie