RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Venerdì 21 Luglio 2017 04:27

Scalea. Giù le mani dai fondi del Tfr dei forestali

Tiziana Ruffo.  I fondi destinati al TFR dei forestali non si toccano. I  lavoratori forestali del Consorzio Valle Lao di Scalea hanno formalmente espresso un secco  no all’utilizzo dei fondi per pagare le mensilità arretrate dei colleghi, non forestali, ma comunque dipendenti del Consorzio. Il vibrato disappunto  è stato  formalmente  inviato  al  Commissario dell’ente consortile Domenico Macrì, al presidente  della Giunta Regionale,Gerardo Mario Oliverio e al Presidente della II Commissione consiliare regionale  Giuseppe Aieta. “Esprimiamo la nostra preoccupazione per il grave stato di stallo in cui l'Ente consortile è venuto a trovarsi.- Hanno dichiarato i lavoratori forestali- Una situazione spiacevole e triste, frutto certamente di scelte errate delle passate amministrazioni, aggravate dalla superficialità con cui, piuttosto che affrontare i problemi nella loro interezza, risolvendoli, si è preferito scegliere di mettere la polvere sotto il tappeto attraverso decisioni prive di qualunque prospettiva di sistema”. In  tale quadro i forestali hanno assunto  una dura opposizione contro l’ipotesi avanzata “da agguerrite minoranze sindacali circa l'impiego dei fondi indistinti della forestazione per pagare le mensilità arretrate dei nostri colleghi, non forestali, ma comunque dipendenti del Consorzio”. I forestali lanciano strali contro il segretario comprensoriale della Flai –Cgil Silvano Lanciano, che avrebbe alimentato atteggiamenti  antisindacale, “in controtendenza con quanto dichiarato nel passato - che asseriva con fermezza la non distrazione dei fondi forestali”. Non si tratta di uno scontro tra lavoratori ma di una ferma  e determinata critica a scorciatoie illegali, che non risolvono il problema, anzi lo aggravano. “Pur consapevoli del disagio che stanno subendo  i dipendenti consortili, a cui va certamente la nostra più sincera solidarietà e vicinanza per l’accaduto, - hanno sottolineato i forestali- siamo convinti che la presunta determinazione palesata dal Segretario comprensoriale della FLAI –CGIL e dal Dirigente generale del Dipartimento  Agricoltura, non rappresenti una strada percorribile per risolvere l’annosa problematica del mancato pagamento delle retribuzioni” i lavoratori esortano fermamente le autorità a “non commettere atti di illegalità al fine di non costringerci alla mobilitazione generale con conseguente blocco totale di tutte le attività”. L’auspicio è quello di mettere in atto  “lo sforzo giusto per  placare richieste garantite come il salario e non quello di  percorrere vecchie strade che hanno il solo scopo di essere dei pannicelli caldi i cui effetti solo limitati ed estemporanei”.

 

 

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie