RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Domenica 30 Luglio 2017 04:36

Scalea. Se non si saldano i salari pregressi la Flai - Cgil e i lavoratori del Consorzio non partecipano ai tavoli di concertazione

Tiziana Ruffo.I lavoratori dipendenti del Consorzio di Bonifica di Scalea non  intendono  partecipare ad alcuna riunione o incontro con il Commissario straordinario,  Domenico Macrì,  fino a quando  non saranno corrisposti  salari e stipendi a tutto il personale dipendente.  Macrì  ha convocato i sindacati per domani pomeriggio (31 luglio)  nella sede del Consorzio, ma l’assemblea dei lavoratori,  tramite la  Flai-Cgil, ha formalmente  comunicato che  non prenderà parte all’incontro e che continuerà la lotta ad oltranza e fino alla risoluzione della vertenza salariale ed occupazionale. Domani, pertanto,  continuerà  l’assemblea permanente di tutte le maestranze operaie ed impiegati   fino a quando non verranno corrisposte le retribuzioni a tutti i dipendenti dell’Ente consortile.  Prosegue, dunque,  ad oltranza la lotta dei lavoratori dipendenti del Consorzio di Bonifica di Scalea che hanno visto accumularsi retribuzioni non corrisposte per ben otto mensilità.  Le maestranze sono tornate ad incrociare le braccia già da mercoledì scorso, stanche delle “vane promesse della Regione Calabria che, con i suoi lunghi tempi per la risoluzione di qualsivoglia problematica, che attiene al lavoro ed all’occupazione,  risulta sempre meno credibile e ancor meno attendibile quando assume gli impegni”.  Il Consorzio di Scalea è l’unico, degli undici  Consorzi della Calabria, ad essere stato  commissariato dalla Giunta Oliverio, per cui, secondo la Flai-Cgil,   “è del tutto evidente la responsabilità dell’amministrazione pubblica regionale in rapporto alle deludenti performance di ben due  commissari che si sono avvicendati in oltre un anno alla guida del martoriato Ente consortile che dà lavoro a 59 famiglie, fra operai acquaioli e impiegati amministrativi e tecnici, oltre a circa trecento  famiglie di lavoratori idraulico forestali”. Il Sindacato censura e stigmatizza con ferma determinazione l’operato di  Macrì, che in sette  mesi  “ha deciso di mettere alla fame ben 59 famiglie di operai ed impiegati e non ha  inteso mettere in campo quelle buone pratiche amministrative atte a garantire salari e stipendi alla totalità dei lavoratori dipendenti del Consorzio”. A nulla sono serviti i moniti del Dipartimento agricoltura e risorse agroalimentari nella persona del dirigente generale e anche del consigliere delegato Mauro D’Acri affinché il Commissario  procedesse al pagamento di alcune mensilità ai lavoratori. “La Flai – Cgil, Federazione Territoriale di Castrovillari, che guida in perfetta solitudine la strenua lotta dei lavoratori del Consorzio- ha dichiarato il segretario generale, Silvano Lanciano-  denuncia anche il  comportamento inqualificabile di Domenico Macrì, che cerca di addossare ad altri le sue responsabilità nella scellerata gestione dell’Ente Consortile che verrà lasciato in una condizione di assoluta paralisi. Strumentalizzando anche i lavoratori idraulico forestali, con il becero tentativo di mettere lavoratori contro lavoratori utilizzando come divulgatori, dell’insana guerra tra poveri, quella pletora di operai diventati magicamente impiegati ed allocati in un intero piano della sede consortile”. il Sindacato ed i lavoratori, come sottolinea Lanciano, sapranno arginare con senso di responsabilità e con lo spirito solidale proprio delle classi lavoratrici e daranno “una risposta adeguata a queste deprecabili manovre che potrebbero determinare pericolose turbative dell’ordine e della sicurezza pubblica”. Intanto, il Presidente Mario Oliverio  ha fatto sapere all’assemblea dei lavoratori del Consorzio che nella prossima Giunta che si terrà nella giornata di domani (31 luglio)  provvederà alla nomina di un nuovo Commissario Straordinario affinché dia esecuzione all’immediato pagamento delle mensilità arretrate e avvii le procedure per l’elezione degli organi elettivi di autogoverno per come espressamente previsto dalla legge.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie