RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Domenica 13 Agosto 2017 16:33

Fine settimana di grande impegno per gli uomini e le donne della Guardia Costiera di Cetraro

Un fine settimana di grande impegno per gli uomini della Guardia Costiera di Cetraro e per gli assistenti bagnanti della costa tirrenico cosentina. Infatti, sebbene i ripetuti avvisi di burrasca siano stati diramati e le bandiere rosse correttamente issate, nel fine settimana numerose sono state le segnalazioni di bagnanti in difficoltà, prontamente recuperati dagli assistenti bagnanti o da altri cittadini. Nonostante il livello di guardia e attenzione sia massimo purtroppo nella serata di venerdì alle ore 18.15 circa un turista di Giugliano in Campania di 67 anni in spiaggia ad Acquappesa con la famiglia è stato trascinato da un onda al largo mentre sostava su basso fondale con il proprio figlio. Il giovane rientrava a riva ed attivava immediatamente la Guardia Costiera, mentre il padre, dopo vani tentativi e sforzi per rientrare rimaneva al largo. L’Assistente Bagnante del vicino lido “Summer Time” nel frattempo, richiamato dalle urla, si gettava in acqua e recuperava il corpo incosciente del malcapitato al quale il figlio stesso iniziava a praticare le manovre di rianimazione a riva. Giungevano poco dopo i militari della Guardia Costiera, i Carabinieri ed il medico e gli operatori del Servizio 118 di Cetraro che dopo vani tentativi di rianimazione constatavano il decesso per arresto cardiocircolatorio. Nella serata del sabato e la mattinata di domenica inoltre la Motovedetta S.A.R. CP 851 e le pattuglia via terra della Guardia Costiera di Cetraro e Diamante sono intervenute prontamente per un ulteriori bagnanti, rientrati poi senza assistenza, presso Guardia Piemontese, L’Isola di Cirella e Lampezia a Cetraro, nonostante a titolo precauzionale per tutto il giorno la pattuglie sono rimaste a vigilare presso la costa, soprattutto di Acquappesa e Guardia Piemontese, consigliando più volte i bagnanti, spesso minori d’età, a rientrare a riva e prestare attenzione al mare agitato. Purtroppo seppur lo stato del mare con la sua violenza incute timore ed il segnale della bandiera rossa è chiaro e sconsiglia la balneazione in presenza di mare agitato, non vi è un divieto che vieti l’ingresso in acqua in condizioni meteo marine proibitive, poiché spetta al singolo bagnante decidere se nelle proprie condizioni psicofisiche può effettuare la balneazione. A tal proposito si richiede comunque di segnalare ogni situazione di pericolo tempestivamente e soprattutto direttamente alla Guardia Costiera, responsabile del soccorso in mare, al fine di consentire un intervento tempestivo sul posto, rinnovando l’invito a diffondere il numero blu 1530, che per ogni emergenza in mare è sempre attivo, 24 ore su 24, gratuito da tutta Italia.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie