RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Sabato 18 Novembre 2017 08:59

Cetraro. La morsa dei furti non molla la città

Tiziana Ruffo. Continua l’emergenza per l’ordine pubblico, che ormai non accenna a rientrare nei normali canoni di sana convivenza sociale. Nonostante le tante azioni di contrasto ad ogni forma di criminalità, in città persiste la fastidiosa pratica dei furti, che si ripetono con continuità allucinante. Ignoti ieri notte hanno fatto irruzione nella struttura, concessa dal comune, che ospita il Centro diurno per disabili gestito dalla Cooperativa Talitakumi. Non è la prima volta che il centro viene preso d'assalto. "Ieri mattina hanno provato ad entrare di nuovo - commentano i responsabili - pensando così di rallentare il processo di inclusione e cambiamento messo in atto in questi anni”. Le attività messe in campo, da tempo dalla responsabile del Centro, Melania Splendore, sono un vanto per la città e per la Calabria che vuole crescere e vuole uscire dalle secche dell'immobilismo. Numerosi gli episodi delinquenziali messi in atto di recente a Cetraro: la scuola media Corrado Alvaro è stata visitata da ignoti, l’ospedale civile ha subito il furto di migliaia di euro, il fenomeno dello spaccio e del consumo di stupefacenti continua, la sicurezza dei cittadini rimane a rischio. Il furto all’ospedale è stato preceduto alcuni mesi fa da un altro grave furto di famaci, l’ufficio postale ha subito analogo trattamento, dieci mila euro sono stati sottratti dalla cassaforte del comune, numerosi negozi sono stati oggetto di visite sgradite da parte dei soliti ignoti, nelle contrade tanti anziani e pensionati hanno ricevuto minacce da malintenzionati che sono entrati nelle loro abitazioni. “Nessuno, e nessuna organizzazione criminale fermerà il processo di rinascita, che faticosamente ma in maniera irrevocabile, questa città ha intrapreso ormai da più di un decennio”. Così il sindaco Angelo Aita, che ha colto l’occasione di chiedere con forza alle autorità competenti, a nome di tutti i cittadini “l’improrogabile apertura della nuova caserma dei Carabinieri, che questioni burocratiche, stanno bloccando. Siamo in attesa che il Comitato per la Sicurezza ci chiami per ascoltare il nostro rammarico e le nostre preoccupazioni per questa escalation delinquenziale”.   

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie