RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Mercoledì 27 Dicembre 2017 08:35

Diamante. Non sono tollerati ulteriori ritardi sui lavori del porto turistico

Tiziana Ruffo. Non ci sta il “Movimento popolare” a subire passivamente i ritardi che si sono verificati per la realizzazione del porto turistico di Diamante. Il comitato spontaneo sostenuto dai cittadini ha diffidato il Rup, Responsabile Unico del procedimento, Luigi Zinno, del Dipartimento regionale infrastrutture e il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio “dal voler concedere qualsiasi proroga alla Ditta Ati Icad Diamante Blu srl per il completamento dei lavori relativi alla ristrutturazione del molo ricovero per natanti che vada oltre la scadenza naturale fissata ad Agosto2018 dai contratti stipulati dalla Regione e dalla ditta”.  Non si tratta di una presa di posizione isolata in considerazione del fatto che l’iniziativa del Movimento è ampiamente sostenuta dai cittadini e da pezzi importanti i del mondo politico e sociale e arriva dopo una serie di incontri nel corso dei quali si è discusso della situazione attuale dei lavori del porto di Diamante. Il Movimento Popolare chiede inoltre che alla data di scadenza del contratto, qualora i lavori non siano stati portati a compimento, “l’area oggetto del bando, del contratto e di tutte le successive modifiche torni nella completa e totale disponibilità della popolazione rappresentata dall’amministrazione comunale”. È necessario, secondo il Movimento, che l’ingegnare Zinno e il presidente Oliverio mettano in campo “tutte le azioni necessarie ad evitare qualsiasi tipo di controversia legale con l’aggiudicatario dell’appalto onde evitare il perdurarsi dello stato di cose attuale”.  L’area del porto di Diamante è ormai un cantiere aperto da dieci lunghi anni e il danno di immagine ed economico che la comunità ha subìto è incalcolabile oltreché incontestabile. Il comitato infine fa sapere che, in assenza di riposte e di azioni chiare e definite nei modi e nei tempi che vadano nella direzione della volontà popolare, metterà in atto una serie di manifestazioni popolari per tenere alta l’attenzione sulla vicenda diventata ormai insostenibile e inaccettabile.

 

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie