RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Venerdì 29 Dicembre 2017 15:18

CETRARO. Salvata una Tartaruga Caretta-Caretta a Cetraro.

Nel primo pomeriggio di giovedì 28 dicembre alcune persone intente a passeggiare sulla spiaggia di Lampetia, a Cetraro, hanno notato una tartaruga capovolta sulla riva, spiaggiata a causa dell’intensa mareggiata che sta colpendo la costa tirrenica in questi giorni. Il Sig. Antonio Orlando di Cetraro in un primo momento era infatti convinto di aver trovato una tartaruga deceduta, tuttavia con grande sorpresa ha constatato che l’esemplare, una giovane tartaruga marina Carretta Caretta, era viva ed aveva il capo e la pinna anteriore destra completamente avvolte in una lenza. Il Sig. Orlando decideva di prestare soccorso alla tartaruga marina trasportandola presso la Guardia Costiera di Cetraro dove l’animale veniva immediatamente liberato con grande cura e attenzione dalla lenza di nylon che l’aveva intrappolata, impedendone i naturali movimenti, e che, alla lunga, ne avrebbe provocato la morte. Nel contempo si allertava il Servizio Veterinario Area C dell’Azienda Sanitaria Provinciale nella persona del Dott. Giorgio Kruklidis che giungeva dopo pochi minuti dal ritrovamento constatando tra l’altro che l’esemplare, seppur non appariva in pericolo di vita, aveva necessità di cure e medicazioni prima di essere rilasciato nuovamente in mare. Veniva pertanto interessata la Dott.ssa Stefania Giglio, del Centro Studi Cetacei Onlus, alla quale veniva affidato l’esemplare per le cure e la riabilitazione necessaria. Grazie al tempestivo intervento dei cittadini, alla straordinaria cooperazione esistente sul territorio tra la Guardia Costiera di Cetraro ed il Servizio Veterinario della A.S.L. di Cosenza, al notevole impegno e sforzo dei Biologi volontari del Centro Studi Cetacei, è stato possibile, in questo caso, salvare uno splendido e giovane esemplare di Tartaruga Marina da morte certa.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie