RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Mercoledì 03 Gennaio 2018 17:28

La comunità di Orsomarso esprime sdegno per l'atto dinamitardo perpretrato a danno della tabaccheria di Angelo Cersosimo Espressioni di solidarità da tutta la cittadinanza alla famiglia.

Doveva essere una nottata di festa quella di capodanno a Orsomarso, ma non lo è stata per la famiglia Cersosimo che ha dovuto trascorrere il primo dell'anno 2018 a contare i danni dovuti, molto probabilmente, ad una bravata che ha fatto esplodere l'impianto di distrubuzione automatica delle sigarett. Pare che uno o più vandali verso le prime ore del mattino del 1 gennaio abbiamo acceso la miccia ad bomba carta, mandando in frantumi tutto l'impianto. Di oltre 40.000 euro il danno diretto ed indotto provocato dall'esplosione anche all'interno del locale. La piccola comunità del Parco del Pollino si trova cosi senza servizi h 24 relativi alla distribuzione di tabacco e piccoli generi di necessità. Sdegno è stato espresso da più parti per l'atto dinamitardo che ha complemente divelto il cassone in acciaio del meccanismo automatico, numerose le attestazioni di solidarietà e di condanna del gesto che ha turbato la serenità del gestore e della sua famiglia. “ In 10 anni, - ha dichiarato Angelo Cersosimo,- ho lavorato per cercare di dare un respiro alla mia famiglia, ma anche ad Orsomarso e questo gesto distrugge il morale nel profondo, oltre quei tanti sacrifici fatti per dare prospettiva alla vita sociale della Piazza in cui operiamo. Non mi aspettavo tanta cattiveria d questi ignoti, eppure noi cerchiamo di dare il meglio di noi stessi al servizio di tutti”. Angelo Cersosimo nel frattempo ha denunciato l'accaduto alla locale stazione dei carabinieri di Orsomarso, giudata dal Maresciallo Renato Orlando che sta eseguendo le indagini di rito, sperando di trovare elementi che possano riportare nel più breve tempo possibile alla normalità.  

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie