RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Sabato 10 Maggio 2014 08:57

MAIERA'. Il COMITATO PER LA SALVAGUARDIA E LA DIFESA DEL MONTE CARPINOSO comunica che in data 9 maggio è stato inoltrato l'esposto per chiedere la difesa del Monte Carpinoso di Maierà dai tagli decisi dall'amministrazione comunale retta da Giacomo De

L'esposto è stato inoltrato al Presidente del Parco del Pollino, agli assessori all'ambiente della provincia e della regione, al  PROCURATORE DELLA REPUBBLICA del TRIBUNALE DI P A O L A, al PREFETTO DELLA PROVINCIA DI COSENZA, all’Assessorato All’Agricoltura Foreste e Forestazione della Regione Calabria, al CORPO FORESTALE DELLO STATO di COSENZA e al COMUNE Di MAIERA’. Nell’esposto tutti i componenti dell’istituito Comitato “Salvaguardia e difesa MONTE CARPINOSO”, chiedono alle autorità preposte di intervenire ognuno per le proprie competenze per l’annullamento dell’atto deliberativo n. 23 del 02/04/2014 del Comune di Maierà per mancata indicazione delle normative in materia di tutela di beni paesaggistici. Per la Violazione dell’art. 10 del “Codice dei beni culturali e del paesaggio”Legge 137/2002  e successive modifiche ed integrazioni e Legge n. 10/2013. Ma vi è di più ai sensi del vigente Codice in materia di tutela di beni paesaggistici (Dlgs 42/2004 e successive modifiche) il Patrimonio Culturale nazionale è costituito da Beni culturali e da Beni paesaggistici. Il D.lgs. 63/2008 ha introdotto, nella categoria delle cose immobili, di cui all'art. 136 lett. a del Codice, gli «alberi monumentali». Gli alberi monumentali, in quanto Beni paesaggistici a tutti gli effetti, sono, quindi, entrati a far parte del patrimonio culturale nazionale, proprio come i capolavori dell'arte umana. Su di essi, quindi può essere apposto il "vincolo paesaggistico" che ne impedisce l'alterazione o l'abbattimento. A ciò si aggiunge quanto disposto dalla legge n.10/2013 che stabilisce che: "salvo che il fatto costituisca reato, per l'abbattimento o il danneggiamento di alberi monumentali si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da  euro 5.000 a euro 100.000". Inoltre, è applicabile l'articolo 635 del Codice penale che disciplina il reato di danneggiamento (pena dai sei mesi ai tre anni). Tutto questo ci ha spinti a farci promotori di un’iniziativa che possa scuotere le coscienze di tutti al fine di evitare di evitare la concretizzazione di quanto indicato nella delibera indicata in oggetto della presente denuncia. L’esposto è stato firmato dai componenti del Comitato “Salvaguardia e difesa MONTE CARPINOSO”, composto da venti cittadini, ed hanno aderito il Comitato per le bonifiche dei terreni dei mari e dei fiumi della Calabria  ( presidente Giovanni Moccia), Ambientalisti del Tirreno ( coord. Francesco Cirillo), il WWF-Calabria, Italia Nostra, la Lipu sezione di Rende, l’associazione Altura, l’ass.Qua La Zampa ( Pres.Angelo Vanni ). Ma l’attività del Comitato non si ferma all’esposto ed ha programmato due diverse iniziative. La prima in occasione della FESTA DELLA MAMMA, domenica 11 maggio si svolgerà una PASSEGGIATA-SCAMPAGNATA , trasformata in FESTA DELLA MADRE TERRA.

FESTA E CONOSCENZA DEL NOSTRO BENE COMUNE

La passeggiata inizierà da piazza Croce a Maierà alle ore 9 e continuerà fino al

RIFUGIO ANZIRRONE LE TIMPE

( 1 ora e mezza circa di cammino). Durante la passeggiata ci saranno esperti ambientalisti che spiegheranno la flora e la fauna del Monte Carpinoso e l’importanza di tutto l’ecosistema.    

La seconda, la presenza nella sala consiliare da parte del Comitato,  per martedì 13 maggio, ore 9,30 quando ci sarà il consiglio comunale di Maierà dove dovrà decidersi l'inserimento nel bilancio comunale della somma di 300mila euro provenienti proprio dal taglio della montagna.                                               

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie