RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Venerdì 13 Aprile 2018 15:36

Tortora: sospensione AIA per l’impianto per il trattamento di rifiuti pericolosi e non di San Sago

Il Dipartimento Ambiente e Territorio della Regione Calabria ha appena comunicato, tra gli altri, al Comune di Tortora la sospensione dell’AIA (autorizzazione integrata ambientale) relativa all’impianto per il “trattamento di rifiuti pericolosi e non”, sito in località San Sago, gestito dalla Cogife Srl, subentrata alla Ecologica 2008 Srl. In buona sostanza, con il provvedimento n.° 0129844 del 11/04/2018, la Dirigente Generale, Arch. Orsola Reillo, dopo aver ripercorso le tappe delle varie interlocuzioni intercorse tra la Regione Calabria, la Regione Basilicata, il Ministero dell’Ambiente, il Comune di Tortora, varie associazioni ambientaliste e la Ecologica 2008 Srl, tutte finalizzate alla richiesta di sottoporre l'impianto alla “Valutazione di Incidenza Ambientale” prima della sua riattivazione, attesa la sua vicinanza al “sito d’importanza comunitaria” denominato "Valle Noce", “DISPONE di sospendere l’A.I.A. di cui al DDG n.° 1576/2009, rilasciata in capo alla società Ecologica 2008 Srl (oggi fusa per incorporazione nella Cogife Srl) per l’impianto di eliminazione rifiuti pericolosi e non, sito in Loc. San Sago del Comune di Tortora, il tutto per 180 giorni e comunque per il tempo necessario alla conclusione della procedura di VINCA (valutazione di incidenza ambientale) richiesta dalla regione Basilicata in ragione alla vicinanza dell'impianto al SIC Valle del Noce” e “INGIUNGE di subordinare la riattivazione e la ripresa delle attività allo svolgimento – su istanza da parte della società - della procedura VINCA di cui sopra”. Tale provvedimento si sarebbe reso necessario in quanto, già in data 21/12/2017, il Comando di Polizia Municipale del Comune di Tortora e, successivamente, l’ARPACAL, con nota prot. 10287 del 09/03/2018 (inoltrata all’Autorità giudiziaria ai sensi dell’art. 331 c.p.p.), hanno accertato e segnalato che l’impianto aveva continuato a ricevere rifiuti, contravvenendo a quanto ordinato dall’autorità competente. Il Dipartimento Ambiente e Territorio della Regione Calabria ha ritenuto, pertanto, di applicare quanto previsto dall’art. 29-decies, comma 9, lettera b), del D.Lgs 152/06 e s.m.i., che prevede esplicitamente la sospensione dell’autorizzazione nei casi di reiterazione dell’inosservanza delle diffide e prescrizioni autorizzatorie.

Il Sindaco Pasquale Lamboglia

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie