RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Mercoledì 03 Aprile 2019 12:39

CASSANO: PLANETARIO SENZA ACCESSO AI DISABILI, OPERA A META’.

La Commissione Lavori Pubblici del Comune di Cosenza, stamattina,  ha effettuato un sopralluogo presso il Planetario “Giovan Battista Amico” che verrà inaugurato il prossimo 6 Aprile.

“Un’opera bellissima e innovativa ma a metà perché priva dell’accessibilità per i disabili, una cosa non degna di un’opera pubblica nel 2019” così la vice presidente del Consiglio Comunale Francesca Cassano, al termine del sopralluogo.

“Sono rimasta allibita nello scoprire che, ad oggi, i servizi igienici, ubicati al piano sottostante al planetario, non sono dotati di opere minime e necessarie per poter garantire l’accesso ai disabili. Certo, è pur vero, che neanche gli uffici pubblici dalle nostre parti hanno provveduto o provvedono all’abbattimento delle barriere architettoniche. Ma, una nuova opera che dovrebbe dare lustro alla nostra città e che verrà inaugurata, giustamente, con una grande manifestazione non può essere priva degli accorgimenti necessari perché tutti possano fruirne.

Sono convinta che l’edilizia pubblica debba essere particolarmente attenta a rispettare quanto previsto dalla Legge, già dal 1996 con il D.P.R. n. 503 del 24 luglio 1996 che disciplina l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici pubblici, con particolare riferimento all'accessibilità diretta ai servizi.

Ma è anche e soprattutto una battaglia di civiltà, in cui credo molto. Avevo già proposto e sollecitato che presso il Comune di Cosenza si attivasse al più presto il  P.E.B.A. ossia il piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Questo piano non è solo uno strumento di monitoraggio, ma anche di pianificazione e coordinamento sugli interventi per l’accessibilità poiché comporta una previsione del tipo di soluzione da apportare per ciascuna barriera rilevata, i relativi costi, la priorità di intervento.

Ma non basta mettere in campo  interventi di risanamento se non c’è una visione di città accessibile ed evidentemente, anche con le scelte sul Planetario, si dimostra una mancata visione inclusiva. Si può realizzare una città bellissima ma se non è fruibile da tutti è una città ingiusta.

Mi auguro che vengano presi al più presto provvedimenti per permettere a tutti di poter godere di un’opera straordinaria e avveniristica come il Planetario D’amico che la città di Cosenza aspetta da quando il sindaco Mancini lo immaginò. Allora, sarà veramente una festa e un orgoglio per tutti i cosentini e non solo” ha concluso Cassano.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie