RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Giovedì 12 Dicembre 2019 22:49

SCALEA. CGIL,NON C'E' PACE:IL COMUNE DI SCALEA IN CONTINUA BALIA DI EVENTI GIUDIZIARI E L'ASP AL SERVIZIO DI INTERESSI PRIVATI.

L’inchiesta ultima che coinvolge il Sindaco di Scalea Gennaro Licursi, in qualità di dipendente dell’ASP di Cosenza,accusato di truffa aggravata ai danni dello Stato e falsa attestazione di presenza in servizio con la presunta complicità di3 dipendenti della stessa ASP, è l’ultimo colpo mortale all’immagine di una Città e di un territorio che, dagli anni di Plinius, vive un degradante deterioramento della pratica della legalità.Le ricadute pesano semprepiù sulla vita e sugli interessi generali dell’intera comunità.

Un quadro complessivo di abbassamento dell’etica pubblicain cui troppi amministratori locali di questo territoriorisultano coinvolti in vicende di malaffarepubblicoe privato.Un susseguirsi inquietante di inchieste ed arresti che alimenta la sfiducia dei cittadini verso pezzi periferici dello Stato e che genera instabilità amministrativa e malagestione di servizi pubblici a danno dei cittadini e del mondo del lavoro a cui servono, diversamente, Enti ed Amministrazioni stabili, eticamente inappuntabili e capaci di amministrare nella piena legalità ogni servizio, appalto, affidamento, assunzione ed ogni opportunità di spesa.

Ancor più se l’Ente coinvolto è un’Azienda sanitaria le cui risorse non possono essere asservite a logiche di malaffare ma dedicate al solo scopo di curare i bisogni di salute dei cittadini.

Proprio per questo, quando nel 2018 il Procuratore Capo di Paola Pierpaolo Bruniannunciò la volontà di voler affondare il bisturi nella pubblica amministratore localeper contrastare ogni illecito, come Cgil salutammo e sostenemmo senza esitazionequella dichiarazione,convinti degli effetti positivi che tale azione di contrasto al malaffare avrebbe comportatonella messa in trasparenza della macchina pubblica del territorio e nell’affermazione della legalità quale unica via lungo cui esercitare ogni funzione pubblica.

Oggi, con lo stesso spirito, e la convinta sollecitazione ad allargare l'indagine ad ogni Ente pubblico del territorio, la CGIL Comprensoriale confida sull’efficacia e sull’accuratezza dell’azione promossa dalla Procura di Paola tramite l’inchiesta Ghost Work certi, verrà verificata la consistenza dei reati ascritti ad ogni soggetto in essa coinvolto e accertato se tali reatisiano configurabili dentro un vero “sistema” vocato alla truffa ai danni della pubblica amministrazione o di condotte di singoli.

A prescindere dalle modalità attraverso cui compiuti i presunti reati emersi nell’inchiesta, i fattiassurti a cronaca nazionale, se confermati in sede di giudizio, rappresenterebbero per la CGIL una deprecabile ferita per il Territorio e per l’immaginedelle Amministrazioni coinvolteche devono essere poste in garanzia della loro funzione di servizio verso i cittadini, e verso cui serve l’adeguata indignazione democratica dei cittadini.

                          Giuseppe Guido                                                                            Mimma Iannello

Segretario Generale CGIL                                                   Responsabile CGIL Alto Tirreno

Comprensorio Pollino Sibaritide Tirreno 

 

 

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie