RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Venerdì 20 Giugno 2014 16:51

Cetraro: Psi: “Il ricordo di Giannino Losardo’’

 

“Una società senza memoria è condannata ad un sicuro fallimento”. Per questo, i socialisti di Cetraro, a trentaquattro anni di distanza, intendono rinnovare il ricordo del compagno Giovanni Losardo, onesto e mite rappresentante delle istituzioni cittadine, caduto, il 21 giugno del 1980, sotto i colpi della mafia. “Nella triste ricorrenza di quei tragici fatti che hanno sconvolto e segnato pesantemente la vita della nostra città e della Calabria intera - dichiarano i rappresentanti del Psi - la condotta di Giovanni Losardo rimane, ancora, un esempio e un riferimento. Un modello con cui tutti coloro che rappresentano lo Stato e le Istituzioni dovrebbero misurarsi. A maggior ragione in una Regione e in una Nazione - proseguono i socialisti - in cui la crisi etica e morale è diventata sempre più pervasiva e coinvolgente, come dimostrano i recenti fatti di cronaca che stanno smascherando una nuova e ancora più vergognosa tangentopoli. È indiscutibile che, negli ultimi anni, siano state messe in campo strategie nuove ed efficaci nel contrasto alle organizzazioni criminali, grazie a migliori strumenti operativi e all’accresciuta professionalità delle forze dell’ordine e della magistratura. Tuttavia, - proseguono gli esponenti del Psi di Cetraro - il fenomeno mafioso continua a crescere esponenzialmente, occupando i nodi vitali di un’economia fragile come quella calabrese, con conseguenze drammatiche che sono sotto gli occhi di tutti. Migliaia di giovani e giovanissimi senza un avvenire lavorativo, che perdono la fiducia nello Stato e diventano potenziali affiliati della fabbrica del malaffare, attratti dal guadagno facile e dall’idea di una sicura impunità. Per questo - concludono i socialisti - se non vogliamo dichiarare la resa e vogliamo alimentare la speranza, è più che mai doveroso richiamare alla memoria il tragico sacrificio di Giovanni Losardo e di quanti si sono battuti e si battono, in Calabria, per la difesa della legalità, l’affermazione delle regole democratiche e la crescita culturale, unico vero antidoto al dilagare dell’illegalità”.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie