RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Venerdì 20 Giugno 2014 16:54

Diamante: Interrogazione del gruppo consiliare ''Per una Diamante Migliore'' sulla bollettazione del servizio idrico integrato per il 2013

                                         

                           Al Segretario Comunale

                                             Al Presidente del Consiglio Comunale

                                            Al Vicesindaco con delega al bilancio


Il sottoscritto Antonio Cauteruccio, in qualità di capogruppo del gruppo consiliare denominato “Diamante & Cirella PER UNA DIAMANTE MIGLIORE” e facendo riferimento all’art. 11 comma 9 del vigente Statuto Comunale, sottopone all’attenzione delle SS. VV. la seguente interrogazione in materia di bollettazione del servizio idrico integrato – anno 2013. Tanti cittadini segnalano in questi giorni molteplici disservizi:

-          Si ripropone il consolidato fenomeno delle “cartelle pazze”

-          Risultano poco chiari alcuni importi(ed anche alcune tariffe), in particolare quelli relativi alla voce “corrispettivo gestione contratto” che su alcune cartelle arrivano a toccare l’importo di Euro 200

-          Risultano poco chiari i meccanismi con cui si annuncia, sulle cartelle, un prossimo conguaglio legato al passaggio dal regime di consumo presunto a quello di consumo effettivo

 

E’ nostro dovere far notare e chiedere, al delegato al bilancio, gli opportuni chiarimenti sulle nostre considerazioni in merito:

 

-          È strano assistere ancora al fenomeno delle cartelle pazze dal momento che, proprio in materia di servizio idrico integrato, nell’Ottobre del 2013 l’ente spendeva Euro 12.000 – a mezzo apposito appalto di servizio esterno – per il “popolamento” delle banche dati relative allo specifico tributo. La specifica determina precisava che l’importo pattuito oltre IVA sarebbe stato erogato all’azienda prescelta a svolgere il servizio in n. 2 rate, la prima pari al 70 % scadente AL 30/10/2013 e la seconda pari al 30 % alla fine delle operazioni il cui termine finale era previsto per la data del 29/03/2014.

-          La gestione del contratto di servizio non risulta particolarmente brillante dal momento che lo specifico capitolato d’appalto e il relativo appalto di servizio finalizzato al “Servizio di censimento, classificazione, costituzione banca dati, rilevamento consumi servizio idrico integrato” aggiudicato in via provvisoria in data 31/08/2012 e in via definitiva in data 19/04/2013 per un importo pari a Euro 68.214,40, per una spesa complessiva di Euro 99.946,00 e per la durata di mesi 18 non risulta - al momento della bollettazione – aver coperto tutte le utenze(con ulteriore e grave danno occupazionale anche per i letturisti assunti).

-          Il sottoscritto sa che la tariffazione a consumo prossima ventura non è una decisione dell’ente ma una legge dello stato, i contribuenti però hanno diritto ad avere chiarezza e trasparenza ed è preoccupante leggere sulle cartelle che “per la fatturazione attuale si è proceduto mediante l’applicazione dell’articolo 5.1 del vigente regolamento sul servizio idrico integrato, alla fatturazione dei mc. presunti in quanto la precedente lettura sarà utilizzata come base di partenza. In sede di fatturazione successiva si procederà ai dovuti conguagli”. Faccio notare che l’appalto di servizio di cui sopra non ha ancora coperto tutte le utenze e che quindi si corre il rischio di trovarsi, in sede di conguaglio, nella condizione di poter applicare la tariffazione a consumo effettivo per alcuni utenti e quella a consumo presunto per altri. Questo aspetto ha generato e genera tanta confusione tra i contribuenti privi delle giuste e dovute informazioni(art. 5 dello Statuto del contribuente).

 

Sollecitando chiarimenti e sollecitando il delegato al bilancio a verificare la legittimità – quantomeno dal punto di vista etico e umano – degli annunciati conguagli, di alcuni importi e di alcuni meccanismi il sottoscritto chiarisce che non è intenzione del gruppo consiliare “Diamante & Cirella PER UNA DIAMANTE MIGLIORE” incitare la popolazione alla disobbedienza fiscale, è necessario però evitare di mettere le mani nelle tasche dei contribuenti correndo il rischio di farlo magari in maniera impropria e poco chiara.

 

Diamante, lì 20 Giugno 2014

Antonio Cauteruccio

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie