RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Mercoledì 06 Settembre 2017 05:58

Cetraro. Non bastano le deleghe amministrative per cambiare le sorti della comunità

Tiziana Ruffo. Si accende nel mondo politico cetrarese il dibattito  sul significato da attribuire alla restituzione delle deleghe amministrative di tre consiglieri, che formalmente hanno chiesto al sindaco Angelo Aita di accettarle in considerazione del fatto che sinora non hanno sortito quei risultati concreti auspicati. I tre consiglieri  di maggioranza, Carmen Spaccarotella, Angela Onorato e Samuele Losardo, hanno precisato che non si tratta di una formale contestazione ma di una presa d’atto da cui partire per verificare le modalità di rilancio dell’azione amministrativa. “ Lo facciamo – hanno comunicato formalmente al sindaco i tre consiglieri - con la serena consapevolezza di poter agevolare, in tal modo, un necessario rilancio dell’azione amministrativa nella seconda parte della legislatura e favorire la piena realizzazione di quella nuova stagione di relazioni politiche e rapporti sociali che come sindaco ha immaginato nel suo recente video rivolto alla città, ponendoli alla base di una nuova visione di comunità attiva, coesa e partecipativa”. Un gesto che si propone dunque di accelerare il processo di apertura promosso da Angelo Aita al confronto con tutte le forze politiche con il preciso intendimento di costruire un nuovo tessuto sociale indispensabile per il rilancio della comunità. Insomma, Spaccarotella, Onorato e  Losardo vogliono contribuire fattivamente ad imprimere un salto di qualità all’azione amministrativa soprattutto in questa seconda fase della legislatura , che sarà decisiva per completare il processo di trasformazione sociale. Questi segnali i tre consiglieri li avevano già lanciati in precedenza allorché  avevano chiesti di affrontare la gestione del bilancio con un ampio coinvolgimento del consiglio comunale,  al fine di arrivare a scelte largamente condivise e funzionali al processo di crescita economica, culturale e sociale della città. Sono tanti i temi di confronto che i tre consiglieri  hanno lanciano a partire dalla proposta della ex Pretura da adibire a centro per disabili. Proposta quest’ultima che ha già incassato il consenso del partito democratico attualmente collocato all’opposizione.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie