RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Mercoledì 06 Settembre 2017 09:29

Scalea. Filbi, Uila-Uil, Fai-Cisl: “Il gioco delle tre carte al Consorzio di Bonifica".

Nota stampa unitaria.

La vertenza del Consorzio di Bonifica ex Valle Lao di Scalea, da settimane sugli organi di stampa  locali per la sua grave crisi finanziaria e, con essa, la drammatica questione delle mensilità arretrate ai suoi dipendenti, conferma quanto sia diffusa la consuetudine di affrontare questioni complesse, che meriterebbero ben altri atteggiamenti e soluzioni, con la logica del gioco delle tre carte. Così ci appare, nella  perdurante gravità dell’intero sistema, la questione dell’ex Valle Lao, la cui ultima pagina di storia, dal punto di vista sindacale, la si può  leggere a partire dal commissariamento deciso dalla Regione Calabria, 16 mesi fa.

Tornando alle tre carte, chi conosce quel gioco sa bene almeno due cose: 1) che lo scommettitore non vince mai e quando succede, è perche si vuole dare dimostrazione della correttezza del gioco; 2) che per riuscire è necessaria la partecipazione di “complici e pali”.

Nel caso della vertenza del Consorzio ex Valle Lao, il gioco delle tre carte è iniziato con il Commissario precedente, probabilmente anche per la sua infelice  idea di voler  sollevare questioni di legittimità su taluni atti, che lo hanno fatto diventare il pericolo pubblico n.1 all’interno e intorno  al Consorzio. Chi ha dato il via al gioco, dunque, assecondando operazioni di marketing sulla rappresentanza sindacale, ha inteso spingere la vertenza sul terreno del parossismo e della demagogia così da neutralizzare sul nascere qualunque  rischio e isolare quelle organizzazioni sindacali convinte che un complesso problema di sistema, in questo caso quello dell’intera bonifica calabrese, non può che essere trattato con iniziative  sistemiche a livello centrale. E’ estremamente semplice in talune situazioni strumentalizzare il forte disagio dei dipendenti a causa delle numerose mensilità arretrate. Ma un sindacato strutturato e con le spalle larghe sa bene quanto sia effimero  cedere all’irrazionalità ignorando la “realtà del giorno dopo”.

Anche per questo sorprendono e sconcertano  certe dichiarazioni del Segretario Generale della Flai Cgil del Pollino, che rispolvera un  rabbioso linguaggio del secolo scorso per farcire farneticanti comunicati; forse   avrebbe fatto meglio a godersi i suoi dieci minuti di gloria in silenzio, perché alla luce dei fatti, con la stessa logica del gioco delle tre carte   il  problema strutturale dei dipendenti consortili è sempre lì, mentre  dal fondo degli operai forestali del Consorzio ex Valle Lao sono fuoriusciti ben 572.000  euro con una delibera poco  rassicurante.

Indubbiamente l’erogazione di alcune mensilità arretrate consente a tante famiglie di tirare un mezzo sospiro di sollievo. Sappiamo tutti, però, che la strada per il necessario riequilibrio  e rilancio del Consorzio è impervia per noti problemi ormai strutturali. Sappiamo anche  che le soluzioni individuate sono palliativi. Ciònonostante, siamo disponibili, con grande senso di responsabilità, a fare come sempre la nostra parte per fluidificare  un processo di riequilibrio  e rilancio dell’Ente.

Denunceremo  ogni tentativo di resa di conti interna,  ogni logica denigratoria e ogni atto dal sapore punitivo, soprattutto  in  base all’adesione sindacale che, con tempismo sospetto, certi livelli dirigenziali stanno producendo in queste ore, mortificando professionalità che vengono improvvisamente private di incarichi formalmente assegnati. Così come ci opporremo ad  ogni tentazione di screditare  le tante competenze professionali presenti nei lavoratori forestali che hanno consentito, per esempio, una organizzazione efficiente e funzionale del servizio AIB, per come riconosciuto unaniemente.

                            firmato da:

Antonio Bloise                                     Antonio De Gregorio                                 Giuseppe La Via

Segretario Filbi                                   Segretario Generale UILA                          Segretario Generale FAI

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie