RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Sabato 09 Settembre 2017 05:20

Cetraro. Il consiglio comunale è compatto sul Centro ittico

Tiziana Ruffo.  Le forze politiche di Cetraro, convocate dal sindaco Angelo Aita per fare il punto sul Centro ittico, hanno concordato di procedere in modo unitario in considerazione del fatto che la struttura ittica riveste un’importanza strategica e come tale va gestita unitariamente  dal  consiglio comunale. “Per volontà comune la stesura del bando- è stato  sottolineato sottoscritto dai  gruppi politici Pd - Psi - Rc - Idm - Sinistra Democratica - Centro Democratico e i capigruppo consiliari - sarà condivisa con tutte le forze politiche, che si sono impegnate a coadiuvare gli uffici comunali tramite la collaborazione di professionisti esperti del settore, ma soprattutto a fornire il dovuto supporto politico, tutto ciò in continuità con il metodo di condivisione che ha caratterizzato sin dall'inizio tutti gli atti amministrativi riferiti al nuovo centro ittico”. Come è noto,  il consiglio comunale si è pronunciato prima per l'affidamento temporaneo all’ “associazione pescatori” e successivamente , constatata l’impossibilità a procedere a seguito di una interdittiva prefettizia,  si è orientato  per l'apertura della struttura tramite personale dell'ente come primo punto vendita del pescato. Tutto ciò sempre nelle more della pubblicazione del bando.  Il sindaco Aita ha  ribadito “ la volontà dei pescatori di collaborare con l'amministrazione”,  e ha informato che i pescatori sono disposti  alla vendita del primo pescato proprio sui banchi del centro ittico. I rappresentanti delle forze politiche  hanno assunto l’impegno “di attivarsi, ciascuno attraverso i rispettivi canali politici, per la buona riuscita dell’iniziativa che riveste un alto valore simbolico oltre che una opportunità di sviluppo per l’economia cittadina”. Il centro ittico continuerà dunque ad essere gestito in modo unitario dal consiglio comunale  senza distinzione tra maggioranza ed opposizione proprio perché costituisce un problema di  notevole complessità e di grande importanza per il futuro della democrazia della città.  

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie