RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Mercoledì 20 Settembre 2017 05:47

Praia a Mare. Giustizia è fatta per l'ospedale di frontiera.

Tiziana Ruffo.  L’ospedale di Praia a Mare  tornerà  a svolgere un ruolo di primo piano nel servizio sanitario dell’alto Tirreno cosentino.  I sindaci dei comuni di Tortora e Praia a Mare, Pasquale Lamboglia e Antonio Praticò, esprimono soddisfazione  per l’efficiente  lavoro del  commissario Eugenio Sciabica, che ha attuato il  provvedimento che dà esecuzione alla sentenza (n° 2576- 2014)  della III Sezione del  Consiglio di Stato.  “Il presidio di Praia a Mare  sarà ricompreso nella rete ospedaliera e configurato in termini di specializzazione e di aree funzionali con tre Uoc,  Unità Operative Complesse  e Uos,  Unità Organizzative di Sede”. Un fatto rilevante per il nosocomio praiese che alla luce del recente provvedimento sarà profondamente  trasformato ed arricchito di numerosi  reparti specialistici. “La tipologia di presidio individuata prevede, di norma, un Pronto soccorso ed un Obi (Unità di Osservazione Breve Intensiva) con personale dedicato e in numero di unità professionali idoneo con  servizi sanitari garantiti legati alle seguenti specialità: medicina, chirurgia, ortopedia, anestesia, laboratorio, emoteca e direzione di presidio, anche al fine di evitare il fenomeno  della mobilità verso la regione Basilicata”. Il sindaco di Praia a Mare ieri pomeriggio (20 settembre)  affiancato dal sindaco di Tortora,  in un’assemblea pubblica e in presenza di tanti primi cittadini  del Tirreno cosentino  ha annunciato con visibile commozione i contenuti del decreto del commissario Eugenio Sciabica. Contenuti che hanno sorpreso i presenti,  perché forse, come ha detto Lamboglia “non ci aspettavamo tanto”. Si  dà atto infatti anche  alla proposta formulata il 22 agosto scorso dai due sindaci di garantire nella  struttura sanitaria l’assistenza degli acuti  “golden hour” (In chirurgia d'urgenza, la "golden hour" si riferisce al periodo di tempo che va da pochi minuti a diverse ore dopo una lesione traumatica causata da un incidente, durante il quale vi è la più alta probabilità che un pronto trattamento medico possa evitare la morte) . In vista dellallestimento   e dell’organizzazione delle risorse strumentali ed umane necessarie, il direttore generale dell’Asp di Cosenza, Raffaele Mauro, ha elaborato uno schema che costituisce parte integrante del provvedimento. Ne deriva che “i decreti del 2010 e del 2016 vanno  modificati in conformità alle disposizioni del presente provvedimento che da oggi è esecutivo, anche ai fini dell’immediato utilizzo della corrispondente dotazione finanziaria occorrente per la cui quantificazione provvederà il Direttore dell’Asp di Cosenza. Intanto,  lo stesso  Mauro,  nei giorni scorsi  ha assegnato il Medico del presidio ospedaliero di Paola-Cetraro all’attuale struttura praiese “per assolvere ai compiti propri della qualifica di appartenenza e collaborare all’imminente riapertura del suddetto presidio”. “E’ arrivato il momento fatidico, il giorno che porterà la felicità a tutti i cittadini dell’alto Tirreno cosentino.-  Ha dichiarato il sindaco di Tortora, Pasquale Lamboglia – A distanza di cinque anni- possiamo annunciare che la sanità dell’alto Tirreno cosentino avrà finalmente un nuovo ospedale”. Il  decreto del commissario Eugenio Sciabica, a cui va dato merito,  darà all’alto Tirreno cosentino un importante pezzo del  sistema ospedaliero, la cui chiusura aveva causato enormi disagi ai cittadini del’intero territorio”. Si tratta di un documento condiviso con l’Asp- hanno precisato Lamboglia e Praticò-  e non un documento calato dall’alto. “Un’ulteriore dimostrazione di quanto si può fare quando due amministrazioni  insieme alle altre che ci hanno supportato,  si mettono assieme per parlare di territorio e renderlo più appetibile possibile anche per i residenti”.  “Gli obiettivi si raggiungono soltanto lavorando con serietà per il territorio e non per il proprio orticello.- Ha incalzato Praticò- È necessario portare alla mente che cos’era l’ospedale di Praia a Mare nel 2010 quando è stato fatto il decreto dello scippo,  subito poi definitivamente nel marzo 2012, e paragonarlo ai contenuti dal nuovo documento . Questo darà il giudizio se abbiamo lavorato bene  oppure no”.  

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie