RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Sabato 23 Settembre 2017 05:21

Praia a Mare. Ospedale: hanno vinto i sindaci e i territori ma la politica si affanna a metterci il cappello

Tiziana Ruffo. Siamo stati in tanti a batterci: i sindaci che mai hanno mollato, anche quando poteri alti fingevano di non vedere ne sentire, le associazioni, i tanti cittadini e soprattutto non  la politica importante, ma quella periferica, dei territori, la più vera e sincera che carica sulle proprie spalle i problemi reali, quotidiani, della gente comune”. Interviene  così il consigliere  comunale di Tortora,Raffaele Papa,  coordinatore provinciale di Idm , sulla questione della riapertura del nosocomio praiese. Papa ripercorre le tappe nell’impegno profuso nell’altro Tirreno per restituire alla sanità una struttura di frontiera che aveva svolto un ruolo rilevante a difesa della salute dei cittadini ma era stato soppresso nell’ambito del piano di rientro, che aveva privato una zona così importante dei benefici di un servizio considerato indispensabile dagli amministratori comunali del territorio. “Ha vinto la giustizia, hanno vinto i cittadini, ha vinto la vita.-Sottolinea con soddisfazione Papa che tuttavia chiede di mantenere alta l’attenzione perché la strada è ancora in salita, le insidie sono dietro l’angolo, la politica nel suo complesso non offre tutte quelle garanzie che i cittadini richiedono. “Ci vorrà ancora del tempo e tanto lavoro ed impegno affinché venga attuato quanto disposto ma nessuno mollerà e si continuerà a lottare, a battersi per il diritto alla vita”. Un secco no alle passerelle arriva dal territorio dell’alto Tirreno cosentino, che respinge tutti i tentativi strumentali dei politici di ogni colore che rivendicano meriti sull’apertura del nosocomio, decisa però da una sentenza del Consiglio di Stato. C’è una diffusa amarezza per come il mondo politico regionale e nazionale si sta prodigando per mettere il cappello ad una vicenda risolta solo in sede giudiziaria

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie