RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Venerdì 06 Ottobre 2017 06:00

Praia a Mare. Si operi concretamente per riaprire l'ospedale senza inutili balletti

Tiziana Ruffo. Nel mirino delle polemiche di Raffaele Papa, coordinatore provinciale  di IdM, la pretesa del ministro Lorenzin e del sottosegretario Antonio Gentile di aver risolto il problema della riapertura del nosocomio praiese. “L’ospedale è stato chiuso da loro stessi- ha dichiarato Papa- in quanto facenti parte della Giunta Regionale che sosteneva l’allora Presidente e Commissario alla Sanità Scopelliti”. Il Presidio se e quando riaprirà, secondo Papa, sarà solo per l’impegno di cittadini e sindaci che con caparbietà hanno ottenuto da parte della Magistratura tre sentenze favorevoli contro le decisioni della politica. “Il Ministro della sanità Lorenzin ed il Senatore Gentile – incalza Papa- non hanno mosso un dito né per rimuovere il Commissario Scura né per far applicare le sentenze, anzi hanno nominato un sub commissario nella persona di Urbani che ha mantenuto chiuso il presidio ospedaliero”. Papa ripercorre le tappe che hanno portato poi alla chiusura del nosocomio. “La stessa giunta regionale presieduta da Scopelliti nel 2011 ha nominato Direttore dell’Asp di Cosenza Scarpelli che tutti sanno essere vicino al senatore Gentile. Lo stesso Scarpelli ha messo poi in atto, nel 2012, il Decreto di Riconversione del presidio di Praia trasformandolo in Casa della salute. Lo stesso Scarpelli ha trasferito il personale Medico, paramedico ed infermieristico in altre sedi sguarnendo totalmente  Praia a mare”. Non si tratta dunque di cambiare le carte in tavola, incalza Papa, occorre invece porsi concretamente  il problema urgente di avviare la riapertura del nosocomio. Bisogna dare atto all’Asp di Cosenza della massima disponibilità nell’intervenire con sollecitudine per sopperire a tutte le carenze “determinate dalle precedenti dissennate gestioni”. Ad oggi far ritornare il personale non è cosa semplice ne fattibile in tempi brevi,  ha spiegato Papa,   perché  quel personale è o in pensione o impegnati in altre strutture. “Non resta altro al determinato Commissario Sciabica di perfezionare l’iter di apertura avviato chiedendo al Tavolo Adduci, al Ministero della Sanità, uno specifico provvedimento che autorizzi all’assunzione del personale necessario”. Pungente la conclusione di Papa: “ se è vero che Gentile e Lorenzin vogliono l’apertura dell’ospedale di Praia a Mare questa è l’occasione per dimostrarlo, si impegnino a far emettere il Decreto, basta mezza giornata. Diversamente la concludano con questa ennesima sceneggiata sulla pelle dei cittadini”.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie