RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Mercoledì 18 Ottobre 2017 07:41

Belvedere Marittimo. Diretta streaming per divulgare il dibattito consiliare

Tiziana Ruffo. Puntare alla massima trasparenza amministrativa utilizzando strumenti tecnologici innovativi per informare e coinvolgere l’opinione pubblica.  La minoranza consiliare di Belvedere Marittimo ha formalmente chiesto all’amministrazione comunale di avvalersi del servizio per la trasmissione in streaming dei consigli comunali, per superare il fenomeno della mancanza di pubblico alle sedute consiliari e per favorire la partecipazione democratica di tutti i  cittadini alla vita politica. La   Mozione  “Diretta streaming sedute del Consiglio comunale” sarà proposta nel corso della prossima assise consiliare,  fissata per  martedì 24 ottobre ore 09.30 sala consiliare di Palazzo Nastri, dai  I  consiglieri comunali: Giovanni Martucci – Daniela Capano (gruppo consiliare “Ora”), Riccardo Ugolino (gruppo consiliare  Pd – Belvederecambiaverso), Vincenzo Carrozzino (gruppo consiliare Rinascimento)- I Gruppi di minoranza hanno manifestato in diverse occasioni l’opportunità della trasmissione via web dei lavori del Consiglio comunale, in considerazione del fatto che Pubblica Amministrazione ,  tra gli obiettivi prioritari, deve garantire espressamente, (come recita il Testo Unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti locali) “la pubblicità degli atti e delle sedute del consiglio comunale, per favorire  la trasparenza e il miglioramento del rapporto tra cittadini ed Amministrazione comunale”.  I consiglieri comunali Martucci, Capano, Ugolino e Carrozzino chiedono dunque al sindaco, Enrico Granata e alla sua giunta di “integrare il vigente Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale con la disciplina delle registrazioni audiovisive delle sedute consiliari”.  Nella prossima assise consiliare di martedì prossimo si dibatterà, tra i vari punti all’ordine del giorno, anche dell’approvazione delle tariffe sui rifiuti (Tari), viziata da una precedente delibera di giunta. La questione era stata sollevata dal consigliere Giovanni Martucci, che aveva chiesto l’intervento del Ministero delle economie e delle finanze affinché sollecitasse il comune di annullare la deliberazione del 31 marzo riguardo la tariffa sui rifiuti e quindi, in caso di mancato adeguamento, “a proporre avverso la stessa impugnativa innanzi al competente Tribunale Amministrativo Regionale”.  La tariffa sui rifiuti, secondo l’opposizione, sarebbe viziata da illegittimità, in quanto adottata dalla giunta comunale anziché dal consiglio comunale. In materia di Tari, analogamente a quanto accade per l’imposta municipale propria (Imu) e per il tributo per i servizi indivisibili (Tasi), è il consiglio comunale l’organo competente alla determinazione. L’argomento, dunque, sarà affrontato nell’assise comunale con il punto all’ordine del giorno “Delibera della Giunta comunale del 31.03.2017 di approvazione delle tariffe sui rifiuti (Tari) anno 2017 – Convalida”.

Lascia un commento

Ultime notizie in POLITICA

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie