RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Sabato 28 Ottobre 2017 09:39

Diamante. Sindacalisti nel mirino delle critiche dei docenti

Tiziana Ruffo.  Un’assemblea sindacale si trasforma in una contestazione dei docenti. È accaduto all'ISS, l’Istituto di istruzione secondaria superiore di Diamante, nel corso dell’incontro indetto da Cgil Cisl Uil E Snals dai docenti e dal personale Ata del distretto. Molti docenti hanno puntato il dito sulla negligenza dei sindacalisti, accusati di essere poco attenti alle reali questioni della scuola. Pomo della discordia il contratto di lavoro scaduto da moltissimi anni, “un contratto lacunoso sia sotto l'aspetto economico che normativo, che vede personale della scuola bistrattato ormai da lungo tempo”. La contestazione infatti è iniziata quando uno degli esponenti sindacali, anziché discutere del punto più importante all'ordine del giorno, quindi del contratto, ha iniziato a parlare del funzionamento del Collegio docenti, come se gli insegnanti non conoscessero il regolamento in materia.  Molti docenti dei vari istituti del distretto si sentono traditi dall'atteggiamento dei rappresentanti di Cgil Cisl Uil E Snals, che dovrebbero invece risolvere il funzionamento dell'istituzione scolastica per salvaguardare gli allievi dalle “classi pollaio”. E’ necessario –incalzano i docenti-  vigilare su quanto avviene negli Usp, gli uffici scolastici provinciali e nell’Usr, l'ufficio scolastico regionale, dove c’è un forte scompenso nell'assegnazioni delle classi con aule di 12 - 13 alunni e non vengono sdoppiate classi con 32 con presenza di handicap. Come si fa a raggiungere obiettivi di una scuola all'avanguardia, quando l'organizzazione delle classi non lo permette?” Una forte protesta conclusa con l’accusa ai sindacati di essere diventati ormai “filo governativi, anziché salvaguardare gli interessi di una scuola abbandonata al proprio destino”.  I docenti contestatori all'assemblea sono quasi tutti iscritti ad uno dei quattro organismi e preannunciano che dopo tale spiacevole episodio prenderanno le distanze dai sindacati.

 

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie