Maulicino
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Venerdì 10 Novembre 2017 08:27

San Nicola Arcella. Confronto con Musmammo e Bevacqua su emergenza idrica e infrastrutture

Tiziana Ruffo.  Riflettori accesi a San Nicola Arcella su emergenza idrica, infrastrutture e portualità. Si tratta di capire quali sono le strategie adottate dalla regione Calabria per rilanciare lo sviluppo economico della cittadina tirrenica e dell’altro Tirreno cosentino. Ad organizzare il convegno, che si svolgerà oggi pomeriggio (10 nov) alle 17.30, nella sala consiliare del comune, è il gruppo di opposizione “Liberi di cambiare”, guidato da Giampaolo Errigo. Al meeting, moderato da Giovanna Oliverio, prenderanno parte l’assessore regionale ai lavori pubblici, Roberto Musmanno; il presidente della IV Commissione consiliare, Mimmo Bevacqua; e i sindaci di Scalea e Grisolia, Gennaro Licursi e  Antonio Longo. “Dopo un’estate di siccità – ha dichiarato Errigo- vogliamo sapere se la regione metterà mano anche alle reti interne dei comuni, finora penalizzati in considerazione del fatto che la regione ha dato disponibilità solo per le reti della Sorical mentre appannaggio dei comuni ci sono solo la revisione e la sostituzione delle tubazioni delle reti idriche interne”. Insomma, secondo Errigo, ormai l’emergenza idrica è talmente grave, le reti dei comuni così fatiscenti che è richiedono una radicale rivisitazione e una sistemazione adeguata nell’ottica di un piano delle acque lungimirante ed innovativo. Errigo lancia la proposta di puntare ad un piccolo porto a San Nicola Arcella, in considerazione del fatto che il territorio, a forte vocazione turistica, deve avvalersi di infrastrutture adeguate per inserirsi in modo competitivo nel nuovo mercato del turismo di avanguardia. “A San Nicola Arcello- ha detto- esiste dal punto di vista orografico e meteo marino la Baia del Carpino, che si presta perfettamente all’ubicazione di un piccolo porto. Questo progetto però deve passare attraverso la volontà della regione Calabria pe stabilire una rete di porti distribuiti lungo la costa in una prospettiva di valorizzazione del sistema territoriale attraverso una portualità diffusa che valorizzi i principali centri dell’alto Tirreno cosentino.

 

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie