Maulicino
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Domenica 12 Novembre 2017 08:00

Cetraro. Anche Area democratica contesta la giunta Aita

Tiziana Ruffo. Si acuisce lo scontro politico a Cetraro intorno alla contestata delibera dei ticket della mensa, già rettificata dopo la ferma opposizione dei Giovani democratici e del gruppo consiliare del Pd. A scendere in campo è Area democratica, che va oltre e contesta la legittimità dell’atto deliberativo deciso dalla maggioranza, di cui essa stessa fa parte. Una nuova contraddizione all’interno della coalizione che sostiene la giunta Aita. “Un atto viziato da incompetenza istituzionale”. Così si esprime il presidente della commissione consiliare bilancio e programmazione, Angela Onorato, che ha formalmente contestato la delibera del 6 novembre scorso, oggetto di polemiche. Non basta modificare un atto illegittimo, tuona Onorato, occorre invece procedere “all’annullamento consequenziale della delibera di giunta” in considerazione del fatto che bisogna “dotare l’Ente di un Regolamento che disciplini lo svolgimento di uno dei servizi sociali più importanti che un comune ha il dovere di garantire ai suoi cittadini”. La via da seguire dunque è quella di revocare la delibera e di “approvare   il regolamento della refezione scolastica da demandare pertanto, alla discussione della massima assise democratica della città ed al preventivo esame delle Commissioni consiliari competenti”. Una brutta tegola per la giunta Aita che deve registrare una nuova presa di distanza di Area democratica, in precedenza aveva contestato in consiglio comunale il modo di procedere illegittimo della giunta Aita a proposito del Dup (documento unico di programmazione), a cui aveva votato contro. Persiste dunque una forte fibrillazione nella maggioranza che sostiene la giunta Aita e procede in modo parallelo l’intesa tra Area democratica e Pd, impegnati a ripristinare il confronto democratico su questioni di rilevanza sociale, che sinora sarebbero state affrontate “senza il coinvolgimento del consiglio comunale, spesso esautorato”.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie