RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Giovedì 28 Dicembre 2017 09:20

Cetraro. Il civico consesso proclama lo stato di emergenza per l’escalation malavitosa.

Tiziana Ruffo. Proclamato lo stato di emergenza per l’escalation malavitosa a Cetraro dal consiglio comunale con atto deliberativo. Una presa di posizione questa che non si era mai verificata nella storia politica cittadina. La proposta dei sei consiglieri, Samuele Losardo e Angela Onorato di maggioranza, Roberto Ricucci di “Uniti per Cetraro” ed Ermanno Cennamo, Carmine Quercia e Carmen Martilotta del Pd è stata dunque accolta all’unanimità ed è destinata a segnare una svolta profonda nella lotta alla malavita cittadina. L’atto deliberativo descrive il quadro sociale allarmante che si è venuto a creare con la successione di eventi delittuosi che in questi mesi hanno profondamente scosso la comunità ed hanno messo a rischio la sicurezza dei cittadini e la libera attività degli operatori economici e commerciali. Nonostante le tante iniziative per denunciare l’escalation malavitosa, sinora non ci sono state da parte dello Stato contromisure adeguate a fronteggiare la costate crescita dei fenomeni delinquenziali. Da ciò la necessità di proclamare lo stato di emergenza con l’obiettivo di investire gli organi dello Stato a tutti i livelli per ripristinare il pieno controllo del territorio, pesantemente condizionato da atti delittuosi e vandalici. La richiesta unanime del civico consesso riguarda quattro punti decisivi: un sistema di videosorveglianza adeguato da predisporre nei punti sensibili della città; superare gli ostacoli burocratici che impediscono l’immediata riapertura della nuova Caserma dei Carabinieri; potenziare  le forze dell’ordine con un servizio di intelligence in grado di investigare con elevata competenza le dinamiche malavitose; mettere a disposizione della città un pacchetto di finanziamenti, volto a fronteggiare la dilagante povertà e la pesante disoccupazione. Il consiglio comunale manterrà lo stato di agitazione sino a quando saranno raggiunti questi obiettivi. Tali decisioni sono state assunte nell’ambito della seduta consiliare che si è tenuta ieri mattina (27 dic) richiesta dai sei consiglieri. La proposta di proclamare lo stato di emergenza è stata illustrata dal consigliere di maggioranza Samuele Losardo, che ha ripercorso le tappe dell’escalation malavitosa ed ha decritto in modo particolareggiato i tanti episodi delittuosi che hanno messo in ginocchio la città. Il capogruppo del Pd, Ermanno Cennamo, nel corso del dibattito consiliare, ha chiesto una breve interruzione della seduta per consentire ai sei consiglieri di definire in tutti i dettagli la proposta, che in una successiva riunione plenaria l’intera maggioranza ha accolto. In pratica, una risposta vigorosa, forte, compatta che ripropone la centralità del consiglio comunale tornato a svolgere un ruolo decisivo come argine alla pericolosa controffensiva della malavita  a Cetraro. 

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie