RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Venerdì 14 Settembre 2018 09:06

DIAMANTE.MOVIMENTO POPOLARE : DOMENICA 23 SETTEMBRE ALLE ORE 18 SI TERRA' UN'ASSEMBLEA PER DECIDERE INSIEME AZIONI DI LOTTA INCISIVE E DEFINITIVE.

Il Movimento popolare continua la sua battaglia per riottenere l’area del porto. Dopo la pausa estiva riflette sui successi ottenuti e rilancia l’azione di lotta per la spallata finale. Siamo all’atto conclusivo, per questo chiediamo a tutti i soggetti presenti nel nostro territorio di attivarsi senza alcun indugio.

IL MOVIMENTO POPOLARESTA PREPARANDO UN’ASSEMBLEA POPOLARE  AL MUSEO DAC-PONTE DELLE ARTI E DELLE CULTURE,  DA TENERSI DOMENICA 23 SETTEMBRE ALLE ORE 18 PER DECIDERE INSIEME AZIONI DI LOTTA INCISIVE E DEFINITIVE.

In preparazione dell’Assemblea popolare il Movimento scrive una lettera aperta (allegata alla presente) alla Regione Calabria, al Responsabile Unico del Procedimento, all’Amministrazione Comunale, dove si pongono questioni dal punto di vista tecnico perché l’area ritorni definitivamente al popolo diamantese.

IL MOVIMENTO POPOLARE COMUNQUE RIBADISCE:

1)      L’adozione dei dovuti provvedimenti da parte della Regione nei confronti del Concessionario (risoluzione del contratto), con conseguente liquidazione del medesimo Concessionario e restituzione completa dell’area portuale al Comune di Diamante;

2)      Il rifiuto di ogni contenzioso che ricada sul Comune,  essendo piena la responsabilità sia da parte del Concessionario, per la mancata realizzazione dell’opera, sia da parte della Regione per il mancato controllo dell’appalto e l’atteggiamento di inerzia nei confronti del concessionario;

3)      La revoca da parte del Comune della concessione demaniale data al Concessionario in data 04/06/2018, per inadempimento da parte del concessionario oltre che per scadenza del termine indicato;

4)      La revoca della delibera con cui l'Amministrazione comunale ha delegato la Regione ad appaltare i lavori dei locali sottostanti il lungomare;

5)      In caso di inerzia della Regione, la richiesta da parte del Comune, associato alle associazioni di albergatori, dei commercianti, dei cittadini, dei danni ricevuti per disastro ambientale e mancata realizzazione dell’opera portuale.

LA POSIZIONE DEL MOVIMENTO POPOLARE E' STATA CHIARA FIN DALL’INIZIO: RIVUOLE L’AREA PORTUALE E VUOLE AVVIARE IMMEDIATAMENTE LA POSSIBILITA’ DI REALIZZARE ENTRO L’ANNO PROSSIMO UN PORTO PUBBLICO, SFRUTTANDO LE POSSIBILITA’ FINANZIARE ANCORA ESISTENTI, OVVERO ATTINGENDO AI FONDI STRUTTURALI SINO AD ORA NON UTILIZZATI ED UTILIZZABILI.

 

 

 

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie