RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Mercoledì 02 Ottobre 2019 00:00

SCALEA. Antonio Pappaterra della sezione IDM di Scalea, chiede lumi sulla conclusione dei lavori riguardanti il primo tratto, della nuova strada provinciale, Scalea – Mormanno.

Antonio Pappaterra della sezione IDM di Scalea, in una lettera inviata al Presidente della Provincia di Cosenza, Francesco Antonio Iacucci e ai sindaci dei comuni di Scalea, S.Domenica Talao,  Orsomarso, S.Maria del Cedro, Papasidero, Mormanno, Laino Castello, Laino Borgo, Morano Calabro e Castrovillari, chiede lumi sulla conclusione dei lavori riguardanti il primo tratto, della nuova strada provinciale, Scalea – Mormanno.  “Premesso che già nella precedente missiva del 4 marzo, indirizzata anche al Ministero dei Trasporti a Roma, veniva ribadito lo stato di abbandono e desolazione in cui versava il cantiere relativo ai lavori di realizzazione di un collegamento viario fra la litoranea tirrenica SS.18 nella città di Scalea e l'entroterra del Parco Nazionale del Pollino, strada provinciale 9 – scrive Pappaterra al Presidente Iacucci - considerato che nella stessa missiva veniva ricordato che i lavori del tratto viario denominato “Scalea - Mormanno” sono iniziati tecnicamente il 4/12/2015 e dovevano essere consegnati il 01/06/2017 e che ancora in data odierna non si conosce la fine e l'esito dei lavori che andrebbero consegnati in data certa; evidenziando che l'importo dei lavori è di 5.216.950,00 euro di cui 151.950,00 Euro per gli oneri di sicurezza e che l'importo contrattuale è di Euro 2.898.041,00 e che in data odierna i lavori stanno procedendo molto a rilento – afferma Antonio Pappaterra di IDM - rilevato, cosi come precedentemente esposto, che la durata dei lavori doveva essere di 545 giorni e che l'opera doveva, con molta probabilità, essere definita e collaudata nei tempi previsti dai riferimenti dettati dagli stessi programmi di finanziamneto dell'Unione Europea; evidenziando che sono state raccolte numerose segnalazioni di cittadini residenti nel luogo e che la rotatoria non completata e costruita sulla SS 18 provoca molti disagi alla circolazione stradale sulla litoranea; rilevato che i lavori a lato monte del primo tratto in costruzione sembrano non essere del tutto iniziati e che sulla stessa strada vi è la presenza di discariche e desolazione, ( c.da S.Angelo Comune di Scalea – Comune di Santa Domenica Talao) e che questa visione di abbandono preoccupa i cittadini, specie negli aspetti che riguardano l'effettiva realizzazione dell'opera appaltata quasi 5 anni fa”,  Antonio Pappaterra – chiede : “di conoscere effettivamente quali sono i tempi di chiusura del cantiere riguardante l'opera in questione e di sollecitare il completamento dei lavori in tempi brevissimi in tutto il tratto citato ed evideziato.  Voglio ancora ricordare – continua Pappaterra - che come cittadino della Provincia di Cosenza e della Calabria, ritengo “vergognoso” il ritardo che si perpetra costantemente su tutti i lavori pubblici di questa parte d'Italia. Non si può più assistere a questo decadimento strutturale dettato, magari, da inutili beghe burocratiche ed inadempienze di vario tipo. Il Sud e la Calabria, caro Presidente, sono indietro rispetto al resto d'Italia, d'Europa e del Mondo perché opere e lavori pubblici che dovrebbero chiudersi in tempi definiti rischiano di restare “cattedrali nel deserto”. Ancora una volta va in scena, nell'area di Scalea e del tirreno cosentino, uno spettacolo indecoroso che si ripete da anni, da parte della politica amministrativa che fa riferimento al capoluogo di questa provincia e nelle mie riflessioni inizio a pensare che Cosenza non meriti di essere capoluogo di provincia del tirreno cosentino. Tuttavia – conclude il referente di IDM sezione di Scalea - spero di sbagliarmi. Questa strada, cosi come  ricordato più volte,se non ci permettiamo di sollecitare attenzione e interventi immediati, è già candidata ad essere l'ultima cattedrale nel deserto del tirreno calabrese”.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie