RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Martedì 05 Novembre 2019 18:25

Antonio Pappaterra (Idm) ringrazia O.Greco ed esprime soddisfazioni per la proposta di legge di Istituzione del Fondo Idrico Solidarietà Idrico della Calabria:“questa proposta obbliga le Istituzioni a dare dignità e autonomia ai territori”.

“Nella giornata di ieri, il capogruppo di Oliverio Presidente, nonché leader di Italia del Meridione, il consigliere regionale Orlandino Greco, ha presentato una proposta di integrazione alla legge istitutiva dell'Autorità Idrica della Calabria. Di fatto la porposta legislativa apre, in prospettiva, un dibattito concreto che obbliga la massima assise regionale a emanare un provvedimento necessario a dare dignità, autonomia e risorse ai comuni dell'entroterra calabresi, in cui territori sussistono sorgenti, pozzi, depositi, derivazioni di acqua e laghi che vengono immessi negli acquedotti regionali”. Sono le parole di soddisfazione espresse da Antonio Pappaterra, referente Idm del tirreno Cosentino e Scalea, alla luce del lavoro legislativo redatto con Orlandino Greco e l'avv. Michele Arnoni e depositato a Reggio Calabria in consiglio regionale. “ La proposta di integrazione alla legge regionale 18 del 18 maggio 2017, - ha dichiarato Pappaterra,- segna un primo passo istituzionale importante per il percorso che riconosce equità sociale ai territori dell'entroterra, da cui vengono sfruttate risorse senza un minimo di ritorno economico. Si da sfogo così al dialogo etico per l'autonomia dei comuni calabresi, soggetti molte volte a spopolamento per mancanza di servizi e soldi. Da molti anni si  parla di zone  abbandonate e mancanza di gestione e manutenzione dei territori di collina, dissesti idrogeolgici, servizi inefficienti e inesistenti, ma come può un comune gestire questi gap senza risorse? Questo provvedimento, se discussso e approvato, risponde proprio a questa necessità e da soluzioni a l'esigente domanda di risorse che mancano alle istituzioni locali per fornire servizi ai propri cittadini. Quanti comuni di montagna danno acqua alle nostre città della costa? Sono  più del 30 % in Calabria e in nessun comune viene speso un Euro di ritorno dal servizio idrico  e quindi  nessuna istituzione locale  prende un centesimo dallo sfruttamento delle  proprie sorgenti. Il dibattito avviato grazie al consigliere regionale Orlandino Greco, può essere sostenuto dai consigli comunali,  dai sindaci, dai consiglieri comunali e dai cittadini interessati e  propone un riconoscimento del fondo di solidarietà che si ridistribuisce, in base ai consumi prodotti,  equamente in tutto l'entroterra calabrese. E' un vero  contributo reale, - ha concluso con entusiasmo Antonio Pappaterra,-  a favore dell'autonomia della Calabria”.

 

 

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie