ATTUALITA'

Venerdì 11 Luglio 2014 17:29

Banca di credito cooperativo di Verbicaro: Si aprono nuovi scenari

Tiene ancora banco la querelle relativa alla banca di Credito cooperativo di Verbicaro. Secondo Ugo Vetere, legale del presidente decaduto, Arturo Riccetti, “il 2 giugno scorso non solo con un verbale mai redatto alla presenza di Riccetti, Pignataro, Giuseppe Silvestri e Pagano, i consiglieri Russo, Francesco Silvestri, Saporiti e Cirimele avrebbero decretato la decadenza del Riccetti, ma avrebbero eletto Presidente Zito. Solo un parere di Federcasse li ha portati a revocare la loro delibera. Secondo Federcasse, infatti, da una lettura dello statuto sociale, non è possibile individuare nessuna norma statutaria secondo la quale, in caso di “rilevata ineleggibilità, in capo ad uno degli eletti, a subentrare allo stesso debba essere colui il quale gli è succeduto nel risultato assembleare”. Da quanto si legge nel verbale, il 9 giugno scorso nella filiale di Scalea della Bcc è stata “revocata la delibera di attribuzione della carica di presidente del consiglio di amministrazione. Il consiglio, ad unanimità ha, quindi, revocato la precedente delibera del 2 giugno nel punto in cui si attribuiva la carica di presidente a Giuseppe Zito e ha demandato alla prossima assemblea dei soci, da tenersi nei prossimi mesi, la nomina del nuovo presidente del CdA. Vice presidente è stato nominato Francesco Silvestri. Gli organi di vigilanza – dichiara Vetere - risponderanno del loro operato alla Magistratura”. 

            
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie