CRONACA

Sabato 29 Gennaio 2022 09:18

SCALEA. SEQUESTRO DELLA STRUTTURA BALNEARE AJNELLA: LA VERSIONE DEL TITOLARE ANTONIO AIELLO.

"Visto il risultato del gioco tra chi sia la vittima e chi sia il carnefice, con il seguente comunicato si intende chiarire un po’ i ruoli. Ci tengo a precisare di essere orgoglioso del livello raggiunto dalla mia struttura grazie alla sana gestione del Vigrì e che tutto ciò che è di seguito riportato è stato sempre segnalato, con documentazione alla mano, a chi ha in gestione la mia struttura facendo sempre fronte comune.

I mancati pagamenti delle concessioni del passato (così definiti nelle interviste) non sono altro che richieste di pagamento fatte dal comune nel lontano 2013, riferite ad anni ancora precedenti, bensì non per il mancato pagamento del canone annuale, pagato puntualmente, ma per una rideterminazione dei canoni demaniali retroattiva dovuto alla legge 296/2006 dei 5 anni precedenti, secondo noi e non solo, non legittimi, ma accettati per la necessità di lavorare e non creare un contenzioso lungo con il comune che ci Avrebbe comportato la sospensione della concessione. Nonostante tutto, la nostra concessione, come le altre, è stata rinnovata fino al 2020, così come stabilito per legge, poiché se non avessimo avuto i titoli o i pagamenti nel 2015, non avremmo ottenuto il rinnovo. In seguito a questa richiesta è stata fatta una perizia giurata di parte nel 2019 che il comune ha accettato e fatta sua nell’aprile 2020, in pieno lockdown. Nel periodo di riapertura delle attività, con precisione il 29/06/2020, ci viene notificata direttamente la decadenza delle concessioni, dovuta al mancato pagamento della cifra da noi indicata e dagli uffici competenti comunali accettata. Come un fulmine a ciel sereno. Il 2 luglio con un enorme sforzo economico, paghiamo per intero la cifra richiesta, il comune non ritirando l’atto di decadenza ci costringe a ricorrere al TAR e successivamente al consiglio di stato, ottenendo una sospensiva. Di tutto questo ne abbiamo sempre parlato con la famiglia che ha in gestione il locale, con lo spirito reciproco di familiarità e soprattutto con la sensazione di sentirci entrambi vittime di questa situazione, poiché è fonte di reddito sia per loro che per noi, avendo anche altre attività collegate alla concessione. Da quella data ad oggi abbiamo versato al demanio tra concessioni correnti (sempre pagate) e tasse regionali, tutto quanto dovuto, ma la novità salta fuori dagli uffici del demanio che non ritiene più sufficiente la cifra pagata, smentendo l’operato del tecnico comunale, richiedendo il pagamento per intero dell’importo accettato nel 2013. Veniamo a sapere per puro caso che queste cifre sono state messe a ruolo all’agenzia delle entrate, ci siamo attivati e abbiamo immediatamente richiesto e ottenuto la rateizzazione della somma totale senza aspettare lo sgravio delle somme versate a luglio 2020. Di fatto, rimuovendo l’unica causa alla base del provvedimento di decadenza. Dopo un anno e mezzo di trattative con gli enti, il TAR va a sentenza, rigettando il nostro ricorso, non tenendo in considerazione nessun pagamento effettuato in questi mesi. Ci tenevo a sottolineare quanto sopra poiché ci hanno fatto passare per chi ha incassato per anni, si è arricchito per anni e non ha pagato migliaia e migliaia di euro, non tenendo conto dei sacrifici, delle consulenze, delle spese affrontate in tutti questi anni. Dispiace quanta leggerezza ci sia nell’esprimere giudizi affrettati senza sapere la reale situazione. Ribadendo che la mia famiglia non può che essere soddisfatta della rinascita del locale Ajnella sotto la gestione Vigrì, ormai diventata una realtà stimata e che dà lustro all’intero territorio, sono dispiaciuto delle incomprensioni e ci siamo attivati per risolvere al più presto l’incresciosa vicenda".

            
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie