CRONACA

Mercoledì 11 Maggio 2022 15:14

ANCORA UN ATTO VANDALICO, DELINQUENZIALE, PROVOCATORIO A PRAIA A MARE CONTRO L’AMBIENTE E ITALIA NOSTRA !

I cartelli a tutela dei Gigli di Mare che erano stati vandalizzati e distrutti  il primo marzo scorso  e che i volontari di Italia Nostra  avevano ricollocato  nella giornata di impegno  ambientalista dell’ 8 marzo 2022 , nella notte tra il 9 e 10 maggio  sono stati nuovamente completamente distrutti, divelti i pali e fatti sparire, a cui ha preceduto la distruzione e danneggiamento di centinaia  di piante di Gigli di Mare.

E’ un fatto gravissimo che purtroppo si ripete  e che denunciamo a tutte le autorità. Esso dimostra che  a Praia a Mare sono in circolazione degli autentici delinquenti che vanno individuati e sanzionati per come meritano.

Un vero e proprio atto provocatorio e vandalico   si è consumato  non solo nei nostri confronti, ma anche contro la Regione Calabria  che ha voluto ed approvato la L.R. n. 47/2009 e s.m.i. di tutela delle specie in via di estinzione come i Gigli di Mare messi in pericolo dall’uso distorto del Demanio Pubblico , contro quegli organi che hanno il compito di tutelarli e  a danno della collettività che ha il diritto di vedere salvaguardato  il proprio patrimonio naturalistico.

Se si tenta di vanificare tutti gli sforzi  che una grande Associazione Nazionale  compie per far rispettare  una legge regionale di tutela  della biodiversità di specie floristiche di alto pregio  presenti sul Demanio di Praia a Mare, ad opera di soggetti che  deliberatamente non vogliono  permetterlo   e vogliono invece gestire l’utilizzo del Demanio pubblico a proprio piacimento, allora le autorità e le forze dell’ordine  presenti sul territorio devono contrastare questi comportamenti delinquenziali e garantire  che un’Associazione  riconosciuta dallo Stato possa svolgere la propria attività libera e pacifica  a tutela del nostro patrimonio ambientale in piena e totale sicurezza. Forse certi comportamenti e fatti sono stati tollerati più del dovuto, ora basta.

La gravità di quanto accaduto  ci induce a chiedere  che vi sia  una  immediata azione di condanna  e di reazione civile.

Chiediamo per questo che il Sindaco di Praia a Mare, a tutela del cui territori abbiamo agito, con la Polizia Municipale ed i Carabinieri Forestali, insieme ai volontari di Italia Nostra  riposizionino li dove erano i cartelli di salvaguardia dei Gigli di Mare per affermare l’autorità dello Stato quale risposta a chi vuole prevaricare  ed impedire che Volontari, cittadini al servizio del bene pubblico  con il loro lavoro ed impegno, possano  difendere e tutelare  il nostro patrimonio ambientale-naturalistico  nell’affermazione  del principio di sussidiarietà con le Istituzioni.

Chiediamo che la Regione Calabria nella persona del Dirigente responsabile del Dipartimento Territorio e Tutela dell’Ambiente venga a Praia a Mare a visionare i luoghi della nostra biodiversità aiutandoci a difenderli da chi vuole distruggerli .

Sarebbe anche un grande segnale  di attenzione alla salvaguardia del nostro patrimonio ambientale  che i due candidati alla carica di Sindaco nelle prossime elezioni comunali  esprimessero una esplicita condanna di questi gesti che offendono il bisogno di tutela del nostro patrimonio ambientale e la stessa convivenza civile.

Italia Nostra Sezione Alto Tirreno Cosentino

            
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie