POLITICA

Domenica 13 Luglio 2014 17:43

Workshop: Terra mia - ritorno all'Economia Solidale - I volti della Comunità Salone Don Silvio - via Lungomare - Belvedere Marittimo (CS) Mercoledì 16 e Giovedì 17 Luglio 2014 ore 21:00.

La Pro Loco del Tirreno sempre attiva sul territorio per la promozione e la valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale, dei talenti locali, delle specificità locali e del piano di relazioni con altre realtà per rivitalizzare il tessuto economico e sociale,  organizza il Workshop dal titolo Terra Mia, ritorno all’Economia Solidale, i volti della Comunità nei giorni di Mercoledì 16 e Giovedì 17 Luglio 2014 alle ore 21:00 presso il Salone Don Silvio in via Lungomare a Belvedere M.mo. Saranno presenti le istituzioni comunali, provinciali e regionali, istituzioni religiose, studiosi e docenti, università,  associazioni, imprenditori, artigiani, scuole, giornalisti, terzo settore,  sindacati e associazioni di categoria. Il Presidente della Pro Loco del Tirreno Antonello Grosso La Valle dichiara: l’iniziativa prevede un momento di confronto e dialogo tra le diverse realtà ed esperienze, con la necessità di creare strumenti in grado di intensificare le relazioni umane e l’azione verso la rivitalizzazione dell’economia locale. Il ruolo e la posizione della Pro Loco del Tirreno, del Consorzio Pro Loco Riviera dei Cedri ( entità in rete dove l’obiettivo è rafforzare il brand Riviera dei Cedri con le sue specificità ) e il territorio verso la creazione di un distretto di Economia Solidale con alla base la condivisione dei bisogni e la coesione. L’azione sarà mirata nelle seguenti priorità: incontrare il mondo delle istituzioni e del profit per aprire una nuova formula nell’indirizzo della solidarietà e del dono elaborando allo stesso tempo strumenti di economia solidale: gruppi di acquisto, banca del tempo, mutua di finanza autogestita e solidale, impresa sociale, microcredito, credito sociale, buoni locali, baratto, ecc… La mission basilare è la rete di legami di tipo associativo, dove creare il senso di responsabilità reciproca, il concetto della solidarietà e l’accoglienza, la necessità di acquisire informazioni e conoscenze, aprire laboratori di terapie occupazionali e la riscoperta di antichi mestieri. L’obiettivo è raggiungere un parametro fondamentale che è quello pianificare azioni e strumenti per liberare dal bisogno e restituire dignità alle persone; stimolare l’autonomia con al centro la funzione di poter avviare una nuova linea programmatica che contrasti lo stato permanente di disagio.

            
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie