SPETTACOLO

Giovedì 24 Marzo 2022 16:29

Musica: Belvedere, l'Accademia dell'Ancia supera i 100 studenti

                                                                                   "In questo quadriennio - dice Sangineto - l’offerta musicale si arricchisce di novità, mettendo a disposizione un’ampio ventaglio di proposte, l’anno accademico 2021/2022 affianca ai corsi standard, i corsi tradizionali e in un’ottica di trasversalità propone percorsi che integrano una preparazione non puramente musicale come supporto scolastico e lingua inglese. Il titolo fa riferimento all’inizio di una nuova formazione nel settore della musica tradizionale con il corso di lira guidato dal maestro Emanuele Filella, giovane musicista di provenienza classica con un’inclinazione precoce alla world music e alle tradizioni". Come mai la lira?  "Partiamo dalle origini – dice Sangineto – toccando con mano strumenti antichi di un passato che non si ferma! I suoni della nostra Calabria - continua il musicista - sono portatori di una forte identità culturale e gli strumenti tradizionali sono depositari di vecchi saperi. La lira è uno strumento antichissimo che   sembrava destinato ai musei, negli anni ’80 grazie alle ricerche sul campo in Calabria, c’è stato un ritorno, un revival dello strumento e negli ultimi anni la moda dell’etnico-popolare ha aumentato il numero degli aspiranti suonatori nonché costruttori".    (AGI) - Belvedere Marittimo (Cosenza), 24 mar. - Carmine Sangineto insieme al corpo docente porta avanti un progetto volto a valorizare la realtà e la bellezza musicale delle tradizioni, stimolando le nuove generazioni al desiderio di riscoprire le origini e il valore sociale della propria cultura riconosciuta non solo in Italia ma anche all’estero. "La scuola - prosegue -  ha attivato corsi per tutti coloro che amano gli strumenti tipici e più comuni per entrare nel vivo dell’identità musicale calabrese,   che spesso vengono appresi  e tramandati oralmente. Oggi è possibile formarsi all’Acccademia dell’Ancia in questo settore con corsi professionali che includono: chitarra battente, lira, organetto, pipita, tamburello e zampogna. Ragazzi e adulti possono così avvicinarsi agli strumenti tradizionali in una scuola che unisce la contemporaneità all’antico. Il recupero delle tradizioni rappresenta nella nostra epoca trasformata dal progresso, l’arte popolare del “far musica”, un  patrimonio da portare avanti con passione".     Sangineto enfatizzza l’approccio etnomusicologico e organizza concerti di musica world, pone attenzione al ruolo culturale e all’identità caratteristica che la musica ha per un popolo". Sangineto è laureando in fisarmonica al corso di musica tradizionale al conservatorio “Tchaikovsky” di Nocera Terinese (CZ). Sangineto si rivolge ai tanti giovani che vogliono lasciarsi coinvolgere dalle bellissime sonorità della lira, dell’organetto e dalle sonorità degli strumenti sopra citati. "Del resto le tradizioni abitano in ciascuno di noi – dice Sangineto – rappresentano le nostre radici e la musica è parte viva di queste radici. La memoria del passato è un tesoro privilegiato da custodire, imparare la lira al pari di altri strumenti standard fa sì che l’identita di un paese non sia dimenticata". (AGI)
            
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie